Articoli

, ,

Marketing estivo? Non solo si può, si deve.

6 Consigli su come sviluppare il marketing estivo

Chi dice che d’Estate tutto si ferma, non dice il vero. Il marketing estivo è importantissimo, è sbagliato, infatti, pensare che durante le ferie, la comunicazione di un’azienda si debba arrestare e le campagne di web marketing debbano essere sospese. Come sempre, come per il resto dell’anno infatti, tutti noi d’estate usiamo internet per mille ragioni diverse: consultiamo le notizie, cerchiamo guide di viaggio, prenotiamo alberghi, acquistiamo vestiti durante i saldi e così via.
Prendiamo il dato audiweb di agosto 2017 ad esempio: l’anno passato nel più estivo e vacanziero dei mesi hanno usato internet in Italia 32,2 milioni di persone, il 58,6 della popolazione, per una media di di tempo speso nell’intero mese di 56:23 ore.

Siete ancora sicuri di voler spegnere le macchine e chiudere le pagine nei mesi estivi?

Consiglio n.1: prima di tutto i social network

Il primo consiglio è quello di continuare a produrre e pubblicare contenuti per le vostre pagine sui social network. D’estate percentualmente il peso dei social network aumenta. Sono un numero minore infatti le pagine che visitiamo per lavoro o per informarci e un numero maggiore le visite che facciamo ai social, per vedere le pagine degli amici, commentare le foto delle vacanze o semplicemente svagarci. Naturalmente sono anche differenti i contenuti che vengono diffusi e quindi anche sulle pagine della vostra impresa dovranno esserci post più leggeri, divertenti, capaci di dialogare con il contesto, meglio ancora se pensati per diventare virali. Ma attenzione: ricordatevi di rispettare anche d’estate le regole di base: il solleone e il caldo non giustificano certo errori macroscopici, post che dimostrano evidente trascuratezza o contenuti che possano risultare offensivi per qualunque categoria di persone.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Consiglio n.2: continuate a scrivere il vostro blog, con un tono diverso

Sospendere la scrittura del blog nei mesi estivi è davvero controproducente: le persone che vi seguono non necessariamente andranno in ferie proprio nello stesso periodo in cui ci andrete voi, potrebbero rimanere delusi quindi di non trovare contenuti per un lungo periodo. Anche qui comunque vale il consiglio di cui sopra: cambiate il tone of voice, scrivendo di argomenti che non sia tecnici, o pesanti, o troppo seri. Ed evitate testo lungi e tutorial: è il tempo di testi brevi e degli speedlinking post, cioè di rassegne di post di approfondimento che chi vorrà leggerà con calma. Non solo, è anche la stagione dei contenuti speciali, nel formato o nell’argomento, che si configurino come una specie di regalo ai vostro follower più affezionati. Potreste pubblicare un video, un e-book o magari un numero zero in pdf da stampare, dedicato ad un tema importante.

Infine: usate gli strumenti a vostra disposizione. Potrete programmare tutto quello che volete con i nuovi tool come Hootsuite, Sprout o Buffer, lavorare in anticipo e godervi tranquillamente le vacanze tenendo lontano qualsiasi pensiero stressante.

Consiglio n.3: se lavorate nel turismo è il vostro momento

Inutile dirvelo: se il prodotto per cui fate web marketing è un prodotto turistico l’estate è il vostro momento. Non potete assolutamente fermarvi: pubblicate foto recenti dei vostri ospiti sui social network, curate l’agenda sul sito, fate attenzione a quanto accade sui siti di recensioni come tripadvisor o su qualsiasi altro social similare. Comunicate, comunicate anche se la vostra struttura è già sold out: chi cerca una struttura ricettiva come la vostra guarderà le foto o leggerà i post, e se lo avete convinto potrebbe anche prendere nota dei vostri contatti per qualche vacanza futura. Se invece non siete ancora pieni probabilmente è il tempo giusto per un qualche investimento in campagne advertisig e pubblicitarie: rivolgetevi a dei professionisti come noi di Mg Group, sapranno indirizzarvi nel modo migliore.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Consiglio n.4: è un ottimo momento per il buzz marketing

Guardate le immagini di questo squalo. E’ un esemplare di cinque metri misteriosamente ritrovato una mattina su una spiaggia dell’Emilia Romagna. Per una giornata intera ha destato la curiosità di tutti i passati, è finito sui social network, è stato fotografato per le chat di whatsapp di migliaia di persone. Poi nel pomeriggio si è scoperto che si tratta di un’operazione di marketing legata al lancio della saga di Sharknado su Sky Cinema Max.
Non è detto che dobbiate essere così creativi, ma ricordatevi che l’estate è il momento migliore per un marketing di questo tipo, per video virali e lanci provocatori. Bastano anche piccoli investimenti o piccole cose, l’importante è che restino ben piantate nella memoria di chi vi si imbatte.

Consiglio n.5: personalizzate le iniziative di marketing estivo

Sconti speciali, concorsi a premi, prodotti omaggio, pacchetti: l’estate – come ogni ricorrenza in generale – è il momento di prendersi cura dei vostri clienti e lavorare alla fidelizzazione. Fate sentire speciali i vostri clienti o i vostri follower! Ricordate sempre che è molto più facile che chi è già vostro cliente acquisti di nuovo, e molto più difficile acquisire un nuovo cliente. Quindi non abbiate dubbi: se organizzate dei saldi mandate un’anticipazione via mail alla vostra newsletter, controllate chi l’ha aperta, mandate ulteriori offerte a coloro che sembrano effettivamente interessati ai vostri prodotti. E ancora: provate con il remarketing, potreste occupare uno spazio che viene lasciato vuoto dai vostri concorrenti proprio a causa delle ferie estive e della riduzione di personale.

Ultimo consiglio: se non ve la sentite, fate lavorare qualcuno per voi.

Ultimo breve, brevissimo consiglio: avete letto questo articolo e proprio non riuscite ad immaginarvi davanti al computer occuparvi di marketing estivo e scrivere contenuti? Vi capiamo, anche voi avete bisogno del meritato riposo. Però sappiate che state perdendo delle occasioni e che una soluzione perché ciò non accade c’è ed è a portata di mano. Affidatevi ad un’agenzia esperta, che abbia nel suo team le professionalità che servono a fare ciò che avete in mente. Basta poco e i le vostre pagine continueranno a funzionare anche mentre siete sdraiati sulla spiaggia, senza pensieri e senza l’ansia dei potenziali clienti perduti. Mg Group Italia è a vostra disposizione, basta una telefonata estiva per attivare il marketing estivo: non esitare!

, , ,

Brand Safety: come proteggere il proprio marchio

Web, croce e delizia delle imprese e dei consumatori! Tutti noi sappiamo infatti che la rete è piena di perle, ma anche di immondizia: fake news, siti spazzatura, contenuti violenti, razzisti, xenofobi e molto altro ancora. Pensare che il marchio di una qualsiasi azienda che voglia vendere e per vendere abbia bisogno di comunicare sentimenti positivi e autorevolezza, possa finire accostato ad uno di questi contenuti immondizia dà immediatamente l’idea di cosa sia e a cosa serva la brand safety.

Cos’è la brand safety

La brand safety è un insieme di tecniche, utilizzate durante la pianificazione di una campagna advertising, per collocare correttamente le unit pubblicitarie di un marchio, come ad esempio i banner o i video. In particolare attraverso la brand safety si punta ad evitare che la pubblicità venga posizionata accanto a contenuti di natura razzista, violenta o sessista o, in ogni caso, tra contenuti inopportuni, poco affidabili o lesivi della verità e dell’oggettività.

L’accostamento a contenuti offensivi viene scambiato per endorsement

Secondo una ricerca di YouGov del 2017 oltre il 30% degli utenti è tendenzialmente portato a credere che una pubblicità posta accanto ad un contenuto sia una specie di endorsement per il contenuto stesso. Ovviamente questo vale anche per i contenuti offensivi che, sempre secondo la ricerca, urtano il 47% dei navigatori, lasciando in essi traccia di sentimenti negativi associati anche al brand e alla pubblicità che inavvertitamente si sono trovati su quella pagina.

Per questa ragione sono sempre più numerosi i manager e gli esperti di marketing che si adoperano per cercare di ottenere posizionamenti affidabili per le proprie campagne advertising. Anche in questo caso una ricerca del 2017 ci aiuta a capire quali siano le nuove tendenze: secondo la ‘Trust Media Brand’ le tre priorità che i manager considerano quando acquistano pubblicità sul web sono:

  1.  l’audience target delivery per il 64%, ovvero la possibilità di targetizzare con esattezza la consegna dei messaggi ad un tipo di pubblico individuato per specifiche caratteristiche socio-demografiche o comportamentali,
  2.  la viewability per il 54%, ovvero la possibilità che l’annuncio venga visto sullo schermo per almeno alcuni secondi e per una alta percentuale dei suoi pixel
  3.  la brand safe environments per il 46%, ovvero – come abbiamo già visto – l’attenzione a non accostare l’annuncio a contenuti inopportuni.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

La rivincita degli editori premium

Per alcuni anni la Programmatic Advertising è sembrata lo strumento più potente dei marketer del futuro: per programmatic si intende infatti la possibilità di scegliere il pubblico cui far vedere un annuncio avvalendosi dei dati forniti da cookie e pixel, e dal altri sistemi di monitoraggio, che consentono di acquisire le caratteristiche dell’utente che rientra nei target e poi di acquistare in maniera automatizzata, sulla base di questi dati, gli spazi pubblicitari.
Ma oggi, tenuto conto delle nuove normative in materia di dati (in particolare il gdpr) e degli avanzamenti tecnologici nel settore del machine learning, molte aziende stanno rivalutando il valore del contesto di pubblicazione degli annunci, visto che non basta lavorare solo sulle caratteristiche dell’utente che li visualizzerà (targeting audience-based) ma bisogna essere certi che il contesto di visualizzazione sia di qualità e non inquinato dai contenuti spazzatura. Non è un caso infatti che nell’ultimo anno molti inserzionisti abbiano spostato la propria spesa su editori e inventory premium, ovvero con un costo più alto cui corrisponde una più alta qualità. Anche i vertici di Google hanno dovuto ammettere i problemi presentati da inventory pubblicitarie non completamente ripulite dai siti dediti al più bieco clickbaiting, ovvero dediti alla diffusione di fake news, foto, video sensazionalisti creati solo per acchiappare click, che possono seriamente pregiudicare la reputazione dei marchi, e di conseguenza hanno promesso un inasprimento dei controlli, degli standard e delle procedure per individuare safe area per gli advertiser.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Come garantire una buona Brand Safety?

A questo punto  si pone per le imprese che scelgono la strada del web marketing chiaramente il problema di difendere il proprio marchio quando acquistano pubblicità su google display o in modalità programmatic. Come si può attuare una efficace strategia di Brand Safety?
Ogni aziende e settore dovrebbe immaginare delle azioni specifiche, insieme a specialisti in questa attività,  ma a livello generale si può dire, che gli strumenti da impostare in ogni caso sono i seguenti.

  1. individuare con chiarezza il proprio standard e il proprio sistema di valori e le caratteristiche del proprio mercato. Sicuramente pirateria online, siti per adulti o relativi a armi, odio, xenofobia, conflitti militari, droghe illegali, terrorismo, spam sono una grande parte della inventory da escludere per la pubblicità del proprio marchio, però possono esserci altri argomenti e contenuti inopportuni da considerare solo su determinate campagne.
  2. fare una targetizzazione precisa degli utenti, tramite micro-clusterizzazioni, che eviti di avere un pubblico troppo generalista.
  3. prima di cominciare la campagna è bene impiegare del tempo per compilare una dettagliata blacklist globale, contenente i nomi degli editori e le url dei siti spazzatura da evitare. Più specifica e approfondita è la blacklist richiesta ai vendor, agenzie e publisher, più ridotti sono i rischi di essere associati a pagine inopportune
  4. Durante la campagna è necessario invece procedere ad un attento monitoraggio, aggiungendo alle pagine bloccate tutte quelle che si presentano come inopportune e che non erano state inserite nella blacklist iniziale.
  5. Alla fine della campagna è bene fare una seria analisi dei risultati, degli insight e inserire tutto in un report da utilizzare per la campagna seguente.

Con questi e altri accorgimenti che potranno suggerirvi i professionisti del settore è possibile difendere il proprio marchio da epic fail e crisi comunicative generate da posizionamenti sbagliati dei propri banner e video advertising. Chi avesse necessità di fare un approfondimento su questo tema può interrogare noi di Mg Group che siamo nati per assistere le imprese nelle nuove sfide generate dal web.

I nostri professionisti sono a portata di mouse o della tastiera del vostro smartphone: contattateci al più presto e individueremo velocemente una strategia personalizzata di web marketing e brand safety per la vostra azienda.

, , ,

Fake News: cosa sono e come difendersi

Fake News: cosa sono e come difendersi

Le violenze e i linciaggi in India, dovuti alla circolazione di false notizie sui rapimenti di bambini, sono soltanto gli ultimi tra gli accadimenti legati al tema delle ‘fake news’ che continuano ad interrogare sociologi, politici, imprenditori e amanti dell’innovazione tecnologica. Il caso è arrivato – ovviamente – fino a Mark Zuckerberg, esattamente perché Facebook dal 2014 ha acquisito anche WhatsApp, accusato di essere – proprio in India dove detiene una fetta di mercato importantissima – il veicolo con cui le fake news diventano virali. Così, dopo l’annuncio sul cambio di algoritmo di Fb, il 19 luglio, con un post pubblicato sul proprio blog, WhatsApp ha annunciato una decisione orientata a rendere più difficoltosa la diffusione a macchia d’olio dei video e dei contenuti falsi: gli utenti potranno inoltrare lo stesso messaggio a un numero massimo di venti persone, un limite che in India si abbassa fino a cinque. Fino a ieri si trattava di un limite posto a 250 contatti.

Cosa sono le fake news?

Nel frattempo poche settimane fa, visto l’attenzione crescente sul tema, la Commissione Europea, per la prima volta, ha fornito una definizione formale e univoca di fake news: una “informazione rivelatasi falsa, imprecisa o fuorviante concepita, presentata e diffusa a scopo di lucro o per ingannare intenzionalmente il pubblico, e che può arrecare un pregiudizio pubblico”. Non solo: ha chiesto a tutte le piattaforme informatiche  e i social network di adottare un codice di condotta che produca trasparenza sui contenuti sponsorizzati (in particolare sui messaggi pubblicitari di natura politica), limiti la profilazione a fini di propaganda politica e riduca i profitti dei vettori di disinformazione. Ci sarà ancora da aspettare prima di vederlo, ma intanto qualcosa comincia a muoversi concretamente.

Fake News cosa accade in Italia

In ogni caso proprio in questi giorni altri casi stanno alimentando il dibattito anche in Italia: un blogger, David Puente, ha segnalato il lavoro da professionista di qualcuno che usando il profilo fake di Lara Pedroni, costruito utilizzando le foto di una modella inglese, diffondeva bufale in modo sistematico su gruppi scelti con cura. Ora il profilo risulta rimosso, ma il blog ha conservato gli screenshot dei meme fake diffusi, contenuti che hanno avuto migliaia di condivisioni, pensati ad arte contro Saviano, Boldrini, Kyenge, Renzi e altri politici o personaggi famosi. Questo è soltanto l’ultimo caso, dopo che ormai da anni in Italia si discute dei blog senza scrupoli che stanno diffondendo sui social network in modo anonimo notizie calunniose contro determinate personalità pubbliche, o anche più semplicemente notizie false confezionate per destare attenzione e produrre traffico verso i siti che li hanno pubblicati. Un esempio? L’articolo sul cellulare esploso di notte mentre era in carica che avrebbe ucciso un ragazzo: pur essendo completamente falso ha continuato ad essere condiviso in internet per almeno tre anni.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Ultimi sondaggi: gli italiani non si fidano più dei social network

Nel frattempo un gruppo di ricerca sui mezzi di comunicazione di massa dell’Università Suor Orsola Benincasa guidato da Umberto Costantini, docente di Teoria e tecniche delle analisi di mercato ed Eugenio Iorio, docente di Social media marketing ha chiesto agli italiani cosa pensassero delle notizie che leggono sul web e ha prodotto un rapporto dal titolo “Infosfera” che riporta i risultati. Ebbene dalla ricerca emerge che per l’87% degli italiani i social network non offrono più opportunità di apprendere notizie credibili e che l’82% degli italiani non è in grado di riconoscere una notizia bufala sul web. Dati preoccupanti che se da un lato segnalano che la maggior parte dei cittadini italiani è consapevole dei problemi che si possono incontrare usando il web come fonte d’informazione, dall’altra segnalano che la stragrande maggioranza dei cittadini non possiede gli strumenti cognitivi necessari a valutare la qualità e l’attendibilità di ciò che legge.

Fake News: come difendersi?

La cosa più importante è cercare di navigare con consapevolezza, e soprattutto verificare le fonti prima di condividere contenuti che ci paiono sorprendenti o che possono sembrare frutto di esagerazione, nel titolo e nel testo completo. Verificare le firme, cercare la biografia dell’autore, controllare il tenore degli altri articoli pubblicati dal sito sono tra buone regole da seguire sempre in casi che ci paiono di dubbia veridicità. E’ importante anche controllare la data: molto spesso capita di veder circolare notizie molte vecchie, già smentite, che vengono condivise ancora soltanto per il sensazionalismo che le caratterizza. Infine è sempre bene tenersi informati: in rete ci sono molti siti che si stanno impegnando a denunciare le bufale e i loro autori. Visitarli ogni tanto può aiutare il lettore meno accorto a farsi un’idea di quali siano gli argomenti più usati per le fake news e il motivo per cui ciò accade.
In una società complessa come la nostra mantenere in salute internet significa difendere la libertà di tutti e tutte e la qualità della democrazia.
Per questo anche noi di Mg Group siamo impegnati a promuovere consapevolezza e correttezza nel mondo del digitale, anche tu non abbassare la guardia

, ,

Cristiano Ronaldo: Campione assoluto dei social network

Cristiano Ronaldo: Campione assoluto dei social network

Non serve essere appassionati di calcio per aver saputo dell’affare Cristiano Ronaldo e delle cifre strepitose che la Juventus di Andrea Agnelli ha dovuto sborsare per averlo nella sua squadra.
100 milioni al Real Madrid, altri 12 milioni di oneri accessori alle squadre che hanno formato il calciatore, 7 milioni per i procuratori del calciatore e ancora 31 milioni netti di stipendio annuo per Cristiano Ronaldo, che possono arrivare fino a 40 comprendendo i bonus e che al lordo costano alla Juventus ben 86 milioni l’anno, per 4 anni.
Queste cifre hanno scatenato una lunga polemica: sulla diseguaglianza tra retribuzioni innanzitutto, con il comunicato dei lavoratori Fiat che hanno accusato la famiglia Agnelli di chiedere giganteschi sforzi agli operai ma di non badare a spese quando si tratta di acquistare un calciatore. Ma non è finita qui perché in molti si sono chiesti se una tale cifra per un solo calciatore possa essere davvero un investimento sportivo vantaggioso.

Cristiano Ronaldo: una potenza nello sport e nel marketing

Non c’è alcun dubbio che CR7, come viene chiamato dal pubblico mondiale del calcio, sia un campione fuori dal comune. In effetti lo stesso Real Madrid ha ricordato che Cristiano Ronaldo ‘è diventato anche il capocannoniere nella storia della squadra, con 451 gol in 438 partite. In totale 16 titoli, tra cui 4 coppe europee, 3 di loro consecutivi e 4 nelle ultime 5 stagioni. Su base individuale, con la maglia del Real Madrid ha vinto 4 Palloni d’Oro, 2 The Best e 3 Scarpe d’oro, tra molti altri premi.” E non va dimenticato che per calciatori così le Top League sono spesso disposte a pagare cifre vertiginose, basti ricordare la top 20 dei calciatori più pagati che vedeva – fino al passaggio alla Juventus – CR7 secondo dopo Lionel Messi, e ancora altri 18 giocatori tutti retribuiti con stipendi sopra i 20 milioni di euro annui.

Il motivo di queste cifre è semplice e si chiama marketing. Quando la Juventus ha acquistato CR7 non ha solo acquisito un calciatore ma un intero brand che genererà milioni di euro di ricavi nei diversi filoni del business della squadra. Per capirlo basta dare un’occhiata ai social network, di cui Cristiano Ronaldo è re indiscusso. Nelle settimane che hanno preceduto l’annuncio dell’acquisto da parte della Juventus sono stati centinaia di migliaia i post dedicati al tema, alcuni dei quali raccolti da hashtag come #CR7 #CR7DAY #CR7allaJuve e alcuni come #SeArrivaCR7 dedicati persino a tweet esilaranti, battute e freddure di ogni genere.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Ci sono più follower di CR7 che abitanti negli Stati Uniti

Tutto ciò non deve stupire, non soltanto perché il calcio continua a rimanere uno degli argomenti più di tendenza, anche sui social e soprattutto in Italia, ma perché il numero dei follower complessivi di Cristiano Ronaldo è davvero impressionante: su Instagram con i suoi 135 milioni di follower CR7 è l’unico sportivo nella classifica dei più seguiti al mondo, secondo soltanto a Selena Gomez con i suoi 139 milioni di seguaci. Su Facebook il portoghese è invece primo al mondo con 122 milioni di like e infine in Twitter rientra tra i 10 al mondo più seguiti con 74 milioni di followers. Parliamo di un numero complessivo di follower sulle tre piattaforme che arriva fino a 335 milioni. Una cifra che supera quella dell’intera popolazione degli Stati Uniti d’America e che colloca a pieno titolo Cristiano Ronaldo nella lista ristrettissima degli influencer di livello globale. Un’ascesa irresistibile che continua a non trovare argini, basti pensare che tra il 6 giugno e il 16 luglio l’incremento dei follower di Cristiano Ronaldo su Instagram è stato di ben 8 milioni, come dimostra il grafico. 

Grafico Cristiano RonaldoRonaldo: per la Juventus più guadagni che costi

Per la Juventus, ovviamente, significa potenzialmente una valanga di denaro in entrata, più di quello – tantissimo, come abbiamo visto – che è stato conteggiato alla voce ‘uscite’ per la retribuzione di CR7. Per le vittorie sportive conquistabili, certo, ma saranno altre le voci di entrata che produrranno i segni ‘+’ maggiormente significativi: sponsorizzazioni, vendita di gadget, vendita di biglietti e abbonamenti, vendita di pubblicità e diritti.

La Juventus ha acquistato un calciatore che ha 285 milioni di follower in più della sua squadra, che arriva circa a 50 milioni, e un vero e proprio impero legato ai suoi canali web i quali hanno prodotto – secondo le stime di Forbes – nel 2017 un totale di 180 milioni di dollari. Gli effetti positivi non hanno tardato nemmeno qualche ora a farsi sentire: in un giorno, dopo l’annuncio dell’acquisto del portoghese, la pagina Instagram della Juve ha guadagnato 1 milione e 400 mila follower, la pagina Twitter 1 milione e quella Facebook circa 500. Il sito internet della Juve è andato in sovraccarico, a causa del numero altissimo di persone che vi si è collegata per acquistare gadget e abbonamenti, il cui prezzo per altro è già stato aumentato del 30%.
Le stime sui post di Cristiano Ronaldo parlano di  2,3 milioni di interazioni in media su ogni singolo contenuto, il che genera all’incirca un guadagno di circa 400.000 euro per ogni post del Pallone d’Oro (i post sponsorizzati di Ronaldo sono stati fino ad oggi 580).

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Web marketing, ormai nessuno può farne a meno.

Bastano questi dati a dare un’idea di quale possa essere l’effetto sull’awareness e la reputation della Juventus di questa acquisizione, oltre che sul fatturato reale che – nessuno stenta a crederlo – crescerà di milioni di euro nel prossimo futuro.

Non solo di calcio, come si vede, ma di marketing bisogna parlare quando si parla di CR7. Non vi è più nella società contemporanea quasi nessuna attività degli esseri umani che non sia orientata dal web, dai social network e dagli investimenti che in queste reti generano ricchezza.
E tu che aspetti a confrontarti con il mondo del marketing? Non tutti possiamo essere Cristiano Ronaldo, ma tutti di certo possiamo tirare una palla in porta. Contattaci subito: possiamo aiutarti a vincere questa partita

, ,

Lego Movie 2: arriva il Sequel, lo storytelling perfetto continua

Lego Movie 2: arriva il Sequel, lo storytelling perfetto continua

Il 2019 sarà l’anno del sequel di ‘Lego Movie‘, il film della Lego che, nel 2014 con il primo episodio, fece parlare di sé milioni di bambini e famiglie, ma anche e soprattutto lasciò a bocca aperta decine di migliaia di comunicatori, pubblicitari, esperti di marketing in tutto il mondo. Si scrissero migliaia di articoli sulla stampa e sui blog, i cui titoli avevano per lo più un tono di estasi ed esaltazione: ‘il miglior esempio di storytelling della storia’, ‘il miglior brand storytelling di sempre’, ‘Lego Movie ha creato uno standard per lo storytelling’ e così via.
Ora vi starete chiedendo cos’è lo storytelling. Vi basti sapere per il momento che è un insieme di tecniche usate per costruire una narrazione, nel marketing ma non solo, una storia da raccontare capace di trascendere dalla classica pubblicità che si limitava solamente ad illustrare le caratteristiche proprie dei prodotti.
Proprio qualche settimana fa, agli inizi di giugno, è stato diffuso il trailer di Lego Movie 2 e questa nuove uscita è parsa a noi di Mg Group Italia una buona occasione per spiegarvi perché con questi film la Lego ha mostrato a moltissime aziende una tra le strade migliori per promuovere i propri prodotti, fare marketing, ottenere risultati sull’aumento delle vendite.

1- I prodotti sono solo un mezzo, ciò che i clienti acquistano è un’idea.

Un’idea o una promessa: a ben guardare è questo che ci stimola ad acquistare qualcosa. Scegliamo qualcosa sulla base dei valori espressi dal prodotto, o sull’evocazione di un miglioramento di qualsiasi aspetto della nostra vita quotidiana, o ancora compriamo un certo prodotto perché esso sembra prometterci qualcosa, spesso divertimento, benessere e svago.
Questo è il caso della Lego, fin dalla sua fondazione: il suo sistema di gioco è esso stesso, intrinsecamente, una promessa di divertimento basata sul valore della creatività. Ogni azione di marketing della Lego rafforza la stessa idea: con i mattoncini si creano infiniti oggetti e con essi infinite storie, si stimola la creatività di adulti e bambini e non ci si annoia mai.

Molti brand hanno capito che devono associare un valore positivo al proprio nome, e hanno cominciato a fare storytelling marketing o campagne promozionali in cui associano l’acquisto del prodotto ad una qualche azione di solidarietà (piantare alberi, contribuire alla costruzione di una scuola in un paese povero, portare cure e medicinali negli scenari di guerra). Lego con ‘Lego Movie’ è stata maestra in questo, associando un semplice gioco di plastica ad un’arte come il cinema che incarna, insieme al complesso delle arti figurative, l’idea stessa della creatività. Lego ha voluto dirci ‘il mio gioco è talmente creativo che può essere la base per un’opera artistica come un film, se hai fantasia con i tuoi mattoncini puoi costruire una complessa storia di 90 minuti che appassionerà grandi e piccini e vi regalerà un pomeriggio di divertimento’.
Un’ultima cosa: avete mai pensato a quanto sia straordinario dal punto di vista commerciale convincere i propri clienti a pagare un biglietto per vedere un gigantesco spot al cinema? Altro che inbound marketing, Lego con questa iniziativa ha messo in discussione ogni definizione preordinata.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

2- Il marketing della lego è transmediale

Con ‘Lego Movie’ la Lego ha aggiunto nel 2014 un tassello da 60 milioni di dollari di investimento alla sua strategia di marketing e comunicazione transmediale. Che significa? Significa che Lego ha speso 60 milioni di dollari per portare i suoi contenuti brandizzati sul grande schermo in tutto il mondo. Ma questo non è stato l’unico media su cui essi sono stati veicolati: ci sono stati short film come Lego Star Wars o Lego Indiana Jones; serie Tv come Lego Ninjago, Lego Bionicle o Lego Friends, o episodi speciali per specifici canali tv come Cartoon Network o Disney come accaduto per alcuni episodi di Lego Marvel Super Heroes o Lego Scooby Doo o video più brevi destinati esclusivamente a YouTube. Ma non finisce qui: Lego ha investito (e poi venduto negli anni di crisi) in parchi di divertimento tematici e brandizzati chiamati Legoland, in videogiochi, in libri, maglietta, gadget di ogni tipo, fino a diffondere nelle scuole dei kit, chiamati Lego Story Starter, facenti parte di una speciale linea ‘education’, destinata ad essere usata per stimolare la capacità degli studenti di raccontare storie. Naturalmente a tutto ciò sono stati affiancati negli anni tutti gli strumenti più classici delle campagne di comunicazione, dagli spot video, passando per i banner sul web e le pagine sui social media, fino alla cartellonistica.
Lego ha così dimostrato di sapere che che oggi il pubblico è alla ricerca non solo di storie perfette, pensate in maniera specifica per il media con cui verranno distribuite, ma anche di un universo narrativo che possa esplorare in molteplici modi. Il content marketing non basta, serve un marketing – come quello Lego, transmediale e non semplicemente cross-mediale: esso non ripete lo stesso identico contenuto sulle diverse piattaforme e i diversi media, ma invece produce contenuti differenziati, adattandoli alle potenzialità del canale scelto e costruendo un mix mai ripetitivo e mai ridondante.

3. Contenuti differenti, storytelling coerente

Sembra ovvio, ma non per tutti lo è. Quante volte abbiamo visto aziende, anche grandi, comunicare con uno storytelling confuso, parcellizzato, contraddittorio, rivisto e modificato più volte nel tempo? Capita spesso che un marchio che abbia diversi prodotti pensi di promuoverli con narrative dall’impostazione e dai contenuti differenti. Niente di più sbagliato. La Lego insegna che avere una narrativa coerente è fondamentale per garantire che i consumatori possano acquistare non solo la marca ma anche la sua storia. Negli anni l’azienda ha sviluppato sempre lo stesso filone, senza mai tradire i valori delle origini. Godtfred Kirk Christiansen, presidente e CEO del gruppo, figlio dello storico fondatore, era solito dire agli albori dell’azienda dei suoi mattoncini che ‘il loro unico limite è l’immaginazione’: con il film ‘Lego Movie’, ancora oggi, a più di 60 anni dalla loro nascita, il marketing di quest’azienda si rivela essere orientato a dimostrare questo assunto. E che dire delle grandi mostre che recentemente hanno attraversato la nostra penisola portando nelle stanze dei musei oltre 600.000 mattocini lego? La narrazione è sempre la stessa.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

4. Lego conosce i suoi clienti e sa perché comperano i suoi mattoncini.

Lego conosce i bambini e gli adulti che comprano i suoi mattoncini. Sa che vogliono libertà, innovazione e intelligenza. Sa che sono tutti un po’ architetti, operai e scrittori: progettano forme nuove, vogliono costruirle con le proprie mani per ambientarvi poi storie e personaggi frutto della loro fantasia.
Il prodotto Lego quindi deve ogni giorno incontrare i gusti del suo pubblico, ma deve anche forgiarli, ispirarli e stimolarli al tempo stesso: l’obiettivo dell’azienda produttrice è ispirare in ogni modo e in ogni occasione i giovani a inventare creazioni sorprendenti, ad immaginare le loro storie e lasciare che la loro immaginazione sia libera. In qualche modo Lego vende uno stile educativo e uno uno stile di vita cui i suoi clienti aderiscono entusiasticamente.

Creare storie capaci di rispecchiare i veri motivi per cui delle persone acquistano un prodotto è una regola fondamentale del marketing basato sullo storytelling e orientato alla creazione di brand value. ‘Lego Movie’ rispecchia quei motivi non solo per il mezzo scelto, ma anche per la storia che il film racconta: una storia positiva e divertente, spesso buffa, in cui un comune omino LEGO viene erroneamente identificato come la persona più straordinaria di sempre e la chiave per la salvezza del mondo, ma solo grazie alla creatività riuscirà a risolvere positivamente il conflitto tra ‘buoni’ e ‘cattivi’. Sarà lo stesso anche per il secondo film? Dal trailer si intuisce di si.

5. Tornare bambini: la nostalgia che convince gli adulti ad acquistare

Gran parte del successo del ‘Lego Movie’ è dovuto alla nostalgia che induce negli adulti. Tutti sognano di poter tornare bambini, tutti provano piacere quando devono aiutare il proprio figlio a montare una scatola di Lego. Il film ha congiunto nuovamente le generazioni: per mano, genitori e figli, nonni e nipoti  hanno attraversato le porte del cinema per un film che piace a tutta la famiglia. In questo modo Lego attraversa le generazioni: diviene oggetto del desiderio dei bambini ma soprattutto anche degli adulti che sono coloro che detengono realmente il potere di acquisto.

La nostalgia è un grande perno per lo storytelling e per accrescere le vendite di molti prodotti: si pensi a Giovanni Rana e al suo continuo richiamo ai tortellini di una volta, oppure a quelle linee di elettrodomestici che richiamano forme e colori degli anni ‘60. È il passato in tutti questi casi che muove le corde emotive giuste.

Ora che sai perché la Lego ha conquistato i cuori di comunicatori e clienti con ‘Lego Movie’, e ora si appresta a farlo per la seconda volta con il sequel, è bene che tu sappia che lo storytelling marketing non è un investimento che si può fare soltanto se si hanno a disposizione 60 milioni di euro. Bastano anche cifre considerevolmente più piccole per creare una storia che parli dei valori di un marchio per una piccola o media impresa, o che si rivolga ad un target territorialmente delimitato. Perché non provare? La nostra web agency può fornirti le idee e le professionalità necessarie ad immaginare un piano basato sullo storytelling. Contattaci al più presto, anche solo per avere informazioni e farti un’idea: la tua azienda aspetta solo di crescere.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

, , ,

Packaging che passione! Perché è così importante?

Non sappiamo se davvero, come recita il principe Myskin nel romanzo di Dostoevskij, la bellezza salverà il mondo. Ma sappiamo con certezza che la bellezza può salvare un business, e anche che il suo contrario, cioè che la trascuratezza del design e del packaging di un prodotto possono mettere piombo nelle ali anche della migliore strategia di vendita.
Non è un gesto banale quello che il consumatore compie quando sceglie una scatola e non un’altra, guardando sullo scaffale di un supermercato o di un negozio. Egli non sta semplicemente valutando quale sia il prodotto migliore, ma sta esprimendo se stesso, la propria identità, la propria visione della vita. Non è un caso che stiano nascendo persino nuove discipline come il neuromarketing che studiano gli elementi che soggiacciono alle decisioni dei clienti. È importante sapere che il packaging – parola il cui significato si riferisce allo studio, la progettazione e la realizzazione delle confezioni dei prodotti – è uno di essi, e quindi uno strumento importante di marketing.

Un packaging intelligente non passa inosservato

Colori, testi, immagini, materiali: il packaging è un mezzo di comunicazione. Nulla nella confezione può essere lasciato al caso, o peggio ancora esser banale. La confezione identifica il prodotto: deve renderlo riconoscibile immediatamente sullo scaffale, colpendo la vista di un consumatore che sempre più spesso non dedica più di qualche frazione di secondo ad ognuno dei prodotti che sfilano davanti ai suoi occhi. Un packaging efficace deve quindi in primo luogo avere una grafica creativa, per rendere riconoscibile e differente il prodotto dagli altri concorrenti, ma senza tradire la comunicazione integrata del brand e i valori che essa esprime. Pensiamo ad esempio all’importanza deI colore nel food packaging: un colore fluo attira sicuramente l’attenzione tra gli scaffali di un supermercato, ma cosa comunica? Certamente non trasmette un’idea di genuinità, sostenibilità e rispetto per la natura, e per questa ragione difficilmente potrebbe essere utilizzato nel confezionamento di un prodotto biologico o derivante da una lavorazione artigianale. Differentemente potrebbe essere la scelta migliore per la scatola di un cosmetico rivolto ad un target adolescente, o per un prodotto chimico per la pulizia di particolari materiali. Ad ogni significato la sua estetica: sbagliare può significare vanificare gli sforzi compiuti in altri segmenti della propria strategia commerciale e comunicativa.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Estetica ma anche funzionalità: mai dimenticare che il packaging protegge il prodotto

Una scatola, una confezione più in generale, deve assolvere adeguatamente alla funzione di protezione e trasporto del prodotto. Deve prima di tutto assicurare che il prodotto non si deteriori durante il viaggio, prima e dopo l’acquisto, e quindi utilizzare materiali con le necessarie caratteristiche protettive.
In secondo luogo deve essere semplice, comoda, adatta al modo in cui si prevede il cliente possa usarla. Il sistema di apertura e di chiusura, lo facilità di smaltimento, il peso e la forma sono tutti elementi decisivi per il concept di un packaging. Una forma originale ad esempio certamente può generare curiosità e convincere il cliente anche a soffermarsi di più sui contenuti riportati nel retro pack. Ma potrebbe però scoraggiarne l’acquisto: una forma difficilmente impilabile o immagazzinabile può essere d’ostacolo a chi una volta a casa deve poter riporre con facilità il prodotto acquistato. Lo stesso vale per i materiali: la plastica può assicurare maggiore solidità, ma l’aumento delle vendite dei prodotti green possono consigliare di scegliere un packaging ecologico, compostabile come la bioplastica, o riciclabile come il cartone. Anche i dettagli fanno la differenza nella progettazione, sia per i costi a carico dell’impresa sia per la percezione dei clienti. La scelta può essere minimal o orientarsi addirittura al luxury packaging: si può scegliere di distribuire il proprio prodotto con un packaging ridotto all’osso, per assecondare la sensibilità verso la necessaria riduzione dei rifiuti, oppure per facilitare una strategia commerciale più aggressiva sul prezzo, o fare esattamente il contrario scegliendo grafiche con colori ricchi e ricercati, e materiali costosi.
Nulla deve essere lasciato al caso: affidarsi a soluzioni non professionali o standardizzate potrebbe farvi perdere clienti e quindi valore al tuo prodotto.

Potrebbe interessarti anche La psicologia del colore nel marketing e nel branding

Il packaging informa: racconta la storia e le caratteristiche del tuo prodotto.

Non sottovalutare quindi l’importanza di avere un packaging progettato per essere coerente con la corporate imagine della tua azienda e con la strategia di marketing che sta perseguendo. Il packaging racconta la storia del tuo prodotto e per questo deve riportare tutte le informazioni importanti che lo riguardano. Il logo e lo slogan certo, ma anche le caratteristiche tecniche importanti per il target individuato: valorizzare o non valorizzare qualsiasi delle caratteristiche del prodotto infatti non è una scelta neutra, ma produce immediati effetti sulle vendite. Si pensi a quanto sia importante l’etichetta nel settore food o nella tecnologia: i clienti vogliono valutare la qualità di ciò che stanno acquistando, se esso è davvero conforme alle proprie preferenze, quale sia la durata stimata nel tempo del prodotto e non valutano soltanto l’estetica del packaging o il design. E necessario fare queste scelte a valle di una grande sforzo di ricerca e analisi per valutare motivazioni di acquisto e l’impatto psicologico del pack di prodotto.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Fai progettare un packaging di qualità: noi di Mg Group possiamo aiutarti


Qualunque sia il tuo prodotto ha bisogno di un packaging personalizzato: MG Group Italia grazie alla sua esperienza nel settore del marketing e del marketing on-line sa come sviluppare una ricerca sulle scelte dei tuoi potenziali clienti che il packaging potrebbe influenzare, e ha al suo interno tutte le competenze professionali necessarie ad una progettazione attenta e coerente con la corporate identity della tua azienda. Non perdere un’opportunità per migliorare la competitività dei tuoi prodotti: contattaci e studieremo la migliore soluzione adatta al tuo business.

, , , , ,

Rendi famoso il brand con pubblicità ‘pay per impression’

Vuoi sapere come far crescere il numero dei tuoi clienti e il volume del tuo fatturato? Allora devi sapere cos’è la brand awareness e come puoi aumentarla. Unisciti alle tantissime aziende che ogni giorno si prendono cura della propria identità e notorietà. Non farlo significa perdere occasioni ed opportunità che potresti invece cogliere grazie agli opportuni investimenti nel web e social media marketing. Una strategia sicuramente utile è quella di utilizzare campagne di inserzioni basate sulla formula commerciale del ‘pay per impression’, realizzate attraverso Facebook Ads e Google ADW.

Cos’è la brand awareness e perché è importante per la tua impresa

Cominciamo dalla definizione: la brand awareness è la riconoscibilità di un marchio e la capacità dei consumatori di associarlo ai prodotti o all’impresa che lo usano. In sostanza si tratta di considerare quanto un marchio sia famoso, e soprattutto quanto esso venga ricordato dal pubblico largo dei potenziali clienti. Più un marchio è conosciuto, più persone, al momento del bisogno, cercheranno on-line proprio il nome dell’azienda o del prodotto che sono immediatamente in grado di richiamare alla mente.
Un meccanismo semplice e facilmente comprensibile da chiunque, che spesso viene però trascurato da molti professionisti e perfino da alcuni comunicatori, troppo concentrati soltanto su obiettivi a breve termine che rischiano di non assicurare risultati duraturi nel tempo.

Se invece vuoi dare gambe solide al tuo business puoi scegliere di investire nella brand awareness, affidandoti a professionisti che si occuperanno per la tua azienda di misurare con dati oggettivi il livello di notorietà del tuo marchio, quello dei tuoi competitors e di individuare una solida strategia per farti conoscere da quanti più clienti possibile.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Comunicare per raccontare la propria storia e i propri valori

Tutto si gioca intorno alla capacità di raccontare la storia del proprio marchio, i valori che rappresenta e di cercare un contatto empatico con le persone: investire in questo tipo di comunicazione è una scelta di straordinario valore, che darà i suoi frutti sul lungo periodo. Tutti i marchi più famosi investono molto nel brand in Internet, consapevoli che la sola strategia lead generation non può essere sufficiente per chi ha l’obiettivo di essere presenti su tutti i media e i canali per attirare massicciamente l’attenzione dei potenziali clienti, per comunicare al meglio la propria corporate identity e costruire un legame emotivo più forte di quello che si può ottenere con una campagna di marketing finalizzata esclusivamente alla vendita.

Perché scegliere una campagna pay per impression?

Una strategia sicuramente utile è quella di utilizzare campagne di inserzioni basate sulla formula commerciale del ‘pay per impression’, realizzate attraverso Facebook Ads e Google ADW. Banner e video con illustrazioni e testi coinvolgenti, capaci di attirare il pubblico più interessato al brand proposto e di sedimentarsi nella sua memoria.
Quando si deve impostare una strategia di rafforzamento del brand infatti ci si orienta in questa direzione, se si dispone di un budget adeguato e di una efficace targetizzazione questa è sicuramente la scelta migliore: nel caso in cui l’annuncio riceva numerosi click, si pagherà comunque soltanto per le visualizzazioni, con una evidente maggiore convenienza economica.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

I formati, strumenti, regole per una buona campagna di branding

In Facebook sono tre i formati a disposizione per le inserzioni: video, slideshow e il formato canvas consentono di calibrare il messaggio sul target di riferimento in maniera efficace, in modo da comunicare in maniera ricca il brand value.

In Google Adwords ci sono a disposizione almeno cinque tipologie di inserzione: annuncio di testo nei motori di ricerca, annuncio nella sezione Shopping, annunci in app mobile, banner nel Google Display Network e annuncio video su Youtube. Tra questi, gli ultimi due consentono di configurare la campagna di advertising sulle impostazioni e le funzionalità più utili ad aumentare la brand awareness.

Una campagna pay per impression efficace trae il massimo risultato anche da budget limitati, seguendo segue alcune piccole ma fondamentali regole nella costruzione delle inserzioni:

  1.  scegliere un layout visivo coerente con il messaggio,
  2.  usare testi empatici orientati all’engagement emotivo del pubblico,
  3.  usare un linguaggio pertinente, preciso ed evocativo,
  4.  generare curiosità per spingere i potenziali clienti ad approfondire la conoscenza dell’azienda o dei suoi prodotti
  5.  usare call to action chiare, che illustrino in maniera chiara i vantaggi dell’azione proposta.

Risultati concreti e misurabili

Con un buona strategia sarà possibile raggiungere risultati importanti e verificabili. L’analisi dei dati è uno dei passaggi chiave per migliorare il proprio marketing. Diversamente da quanto non accada con la tradizionale pubblicità, con i tools del web e dei social è possibile monitorare concretamente i risultati dei propri investimenti in tempo reale. Alla fine di ogni campagna potrai sapere con esattezza dati e numeri delle persone coinvolte, verificare l’efficacia del messaggio sul target individuato e quindi gestire al meglio le risorse economiche disponibili per massimizzare i risultati in futuro.

Perché restare nell’ombra?

Grazie al suo team giovane e dinamico MG Group ti garantisce strategie di qualità e personalizzate per il tuo brand, derivanti da uno studio approfondito della tua azienda.

Chiedici una consulenza Gratuita allo 05771516860 e pianificheremo insieme la campagna più adatta per far crescere il tuo futuro.

, , , ,

Viral Marketing: alcune campagne diventate virali

Che cos’è il viral marketing?

Internet ha stravolto il modo di comunicare delle aziende e fare pubblicità: quale migliore presentazione può ricevere un’azienda o un brand se non quella fatta da una persona disinteressata e soddisfatta dei prodotti o servizi offerti attraverso il viral marketing?

Il viral marketing è un tipo di marketing non convenzionale che fa parte del word-of-mouth e ha lo scopo di attivare il passaparola in modo virale. Con uno sforzo minimo le aziende riescono a raggiungere moltissimi utenti.

Il passaparola è la trasmissione di informazioni, considerazioni, opinioni su un prodotto o su un brand che avviene da persona a persona in modo informale.

Il passaparola è sempre esistito, i cambiamenti avvenuti nel rapporto con le imprese e le evoluzioni nelle tecnologie di comunicazione, spingono a focalizzare in modo del tutto nuovo l’attenzione su questo fenomeno.

Il nome “virale” deriva dal fatto che la diffusione del messaggio avviene come un virus, sfruttando il passaparola. Per riuscire a funzionare il viral marketing deve avere un messaggio interessante capace di coinvolgere le persone al punto che, a loro volta, abbiano interesse nel diffonderlo ad altri.

Il pioniere del viral marketing è stato Hotmail che nel 1996 fece partire in Italia la prima campagna. Per diffondere il suo servizio e-mail gratuito, inserì ad ogni e-mail un testo non invasivo: “Ottieni la tua casella e-mail privata e gratis con www.hotmail.com”.

Il Viral Marketing che nel web trova ampio utilizzo è stato ideato da Ralph F. Wilson, consulente di E-Commerce, il quale definì un modello composto dai seguenti sei punti:

  1. 1 Offrire servizi o prodotti gratuiti
  2. 2 Facile da trasferire ad altri (amici e conoscenti)
  3. 3 Facilmente scalabile
  4. 4 Contenete motivazioni e comportamenti comuni
  5. 5 Utilizzare reti di comunicazione usate attualmente
  6. 6 Approfittare delle risorse altrui

Molti gli esempi di Viral marketing, partendo dalle e-mail contenenti aneddoti divertenti, giochi online, siti web curiosi, che nel giro di pochi giorni possono attrarre milioni di visitatori. Gli stessi YouTube e Facebook hanno trovato un ottimo alleato in questo tipo di marketing: nella fase iniziale si individua un contenuto portatore del “germe della condivisione” e lo si diffonde sul web in modo virale.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Vediamo insieme qualche esempio vincente.

Ice Bucket Challenge

Viral Marketing ice Bucket Challege

Come dimenticare il periodo in cui la timeline di Facebook è stata invasa da persone vittime di secchiate d’acqua in testa?

Stiamo parlando dell’Ice Bucket Challenge – letteralmente “sfida del secchiello del ghiaccio”.

Si tratta di una campagna virale lanciata dalla ALS Association (Associazione statunitense contro la SLA) con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi laterale amiotrofica e di stimolare le donazioni per la ricerca.

La sfida aveva questa forma: la persona nominata veniva filmata mentre si versava (o le veniva versato) un secchio d’acqua sulla testa. Dopo l’eroico gesto, il protagonista di turno avrebbe invitato, nominandole, altre persone a fare lo stesso.

I designati avrebbero poi avuto 24 ore per rispondere alla nomination e fare una donazione alle Associazioni di malati di SLA e ai loro familiari per sostenere la ricerca.

Secondo dati diffusi dall’associazione nell’anno successivo al lancio della sfida sono stati raccolti 115 milioni di dollari.

Il fenomeno si è diffuso in modo virale sui social media nei mesi di luglio e agosto 2014, coinvolgendo anche personaggi famosi da tutto il mondo (da Zuckerberg a Bill Gates fino gli italiani Bocelli, Fiorello e Matteo Renzi).

Potrebbe interessarti 5 campagne di Social Media Marketing da cui prendere ispirazione

#LikeAGirl: storia di un esperimento sociale diventato virale

Viral marketing Like a girl

Questo è l’hashtag utilizzato nello spot andato per la prima volta in onda nel 2014 per la Always, famoso brand appartenente al gruppo P&G, che si occupa di prodotti per l’igiene femminile.

La sfida iniziale della campagna creativa è chiara: fare diventare il brand un punto di riferimento per il target femminile a cui si rivolge.

Per la campagna si è deciso di puntare al concetto di “woman empowerment”: rendere più sicure e consapevoli le giovani donne, spiegando e superando il disagio femminile nella transizione da bambine a giovani adulte.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

“Considerammo i differenti fattori che influenzano le ragazze durante il delicato periodo della pubertà.” dice Judy John, CEO e Chief Creative Officer di Leo Burnett Canada “Nel corso di queste indagini, qualcuno attaccò alla lavagna un pezzo di carta con scritto come una ragazza”.

Si comprese da subito la portata rivoluzionaria che quella frase, divenuta poi hashtag, avrebbe potuto assumere.

Si trattava di cambiare la percezione dell’espressione “come una ragazza”, da negativa a positiva, rompendo l’annosa relazione tra il genere femminile e i concetti di debolezza e inferiorità.

Relazione che le bambine non riescono ancora a cogliere appieno: pertanto, chiedendo loro di correre, o di combattere “come una ragazza”, avrebbero messo tutte se stesse nel farlo, dando quindi un senso tutto nuovo alla frase.

Dopo essere apparso nella vetrina pubblicitaria più appetibile, durante la finale del Super Bowl, è bastato poco perché il fenomeno #likeagirl prendesse piede sui social network, a partire da Twitter, dove post di varie figure femminili come atlete e soldatesse sono stati retwittati centinaia di volte.

Leggi anche Guerrilla Marketing: la pubblicità diventa spettacolo

Il Buondì Motta

Viral Marketing Buondì Motta

L’ultimo spot del Buondì Motta, in passaggio sui piccoli schermi italiani da fine agosto, non è di certo passato inosservato. L’autore dell’ultima trovata di marketing dell’industria dolciaria è Alessandro Orlandi, direttore creativo della filiale italiana di Saatchi & Saatchi.

In un giardino da sogno una bambina elegante chiede alla madre, con eloquenza improbabile, “una colazione che possa soddisfare la sua voglia di leggerezza e gusto”. La risposta della madre è negativa: possa colpirla un asteroide se quella colazione esiste per davvero!

Il resto è già storia.

La potenza virale della pubblicità gioca su due registri: il piano comunicativo, che prende in giro la creatività “politically correct” della concorrenza, con un linguaggio, quello della bambina, parodistico fino al surreale.

Il secondo quello del finale a sorpresa dell’asteroide che, con una strage non annunciata, colpisce l’immaginario del target e genera condivisioni e discussioni appassionate sui social network.

Su Facebook abbiamo assistito alla proliferazione di meme tratti dalla sequenza principale dello spot con rivisitazioni in chiave storica, politica e cinefila.

In generale, il trucco comunicativo è quello di cavalcare l’onda delle notizie che fanno tendenza, trovando il modo di renderle irresistibili e quindi virali.

A questo punto potremmo porci la domanda: il messaggio della mia azienda può diventare virale?

Esistono alcune caratteristiche che rendono alcuni messaggi più “forti” rispetto ad altri. Gli esempi che abbiamo mostrato oggi, ad esempio, fanno leva su messaggi emozionali: la simpatia, la risata ma anche il senso d’appartenenza e la solidarietà, tutti ingredienti che contribuiscono a rendere i contenuti irresistibili e degni di condivisione.

Rivolgiti a dei professionisti, contattaci allo 05771516860 per una consulenza gratuita sulla gestione della comunicazione aziendale.

Affidati ad MG Group Italia

, , ,

Grandi novità: Facebook come Tinder

All’annuale conferenza F8, il CEO Mark Zuckerberg presenta il nuovo sistema di controllo della privacy e annuncia un nuovo servizio di incontri sentimentali implementato direttamente sul social.

In questi giorni in California si è svolto il consueto keynote F8 di Facebook, evento dedicato agli sviluppatori per presentare le novità e le evoluzioni che la piattaforma implementerà nei prossimi mesi. Quest’anno l’evento F8 ha assunto particolare importanza per due questioni in particolare.

Clear History: come proteggere i dati

Dato scandalo di Cambridge Analytica, che l’ha visto testimoniare al Congresso americano, Zuckerberg ha raccontato del suo impegno in favore di una sempre maggiore protezione dei dati degli utenti. Il CEO ha annunciato l’elaborazione di un sistema, la Clear History, attraverso il quale gli utenti potranno visualizzare i dati raccolti durante la navigazione sul social o su siti ed app ad esso collegate e cancellare la cronologia di navigazione o disabilitare del tutto la raccolta di tali dati.

«Permetterà di vedere i siti e le applicazioni che inviano informazioni mentre voi li utilizzate, di cancellare le informazioni dal vostro account e di disattivare la nostra capacità di immagazzinarli in futuro».

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

La grande novità: Facebook come Tinder

Per risollevare l’animo degli users, poi, Mark Zuckerberg ha pensato al lancio un nuovo servizio dedicato appositamente agli incontri sentimentali, una nuova funzione di dating «destinata a costruire relazioni autentiche e durevoli, non solo di una serata».

Esattamente come il grande social di incontri online Tinder, i due miliardi e mezzo di utenti attivi su Facebook avranno la possibilità di accedere ad una nuova piattaforma di incontri, raggiungibile direttamente dalla normale applicazione. Si tratterà, però, di un servizio totalmente opzionale e aggiuntivo, una sezione a parte, utilizzabile solo da chi avrà intenzione di farlo; non interagirà in alcun modo con il profilo pubblico: l’area dating di Facebook avrà un canale parallelo e separato da quello che conosciamo fino a oggi per garantire agli utenti la massima privacy; chi vorrà accedere al tool, dovrà attivare una funzione e creare un profilo che sarà visibile solamente agli utenti che hanno attivato la funzione.

Leggi Come aumentare i “Mi Piace” su Facebook

I profili potranno anche in questo caso connettersi e conoscersi attraverso una chat dedicata che esiste separatamente da Messenger. Qui però sarà possibile soltanto dialogare. Niente immagini o videochat. Zuckerberg ha annunciato che le prime attivazione sono previste già nel corso di quest’anno, ma non ha specificato se si tratterà di un’opzione a pagamento.

Facebook è nato, come recita il suo stesso slogan, per mettere in contatto (o tenere in contatto) persone che si conoscono e poi, quasi subito, è diventato molto di più e molto più grande di quanto chiunque potesse prevedere. Con le acquisizioni di WhatsApp e Instagram Zuckerberg ha ucciso (quasi) nella culla i principali competitor (solo Snapchat ha resistito all’acquisizione) e adesso prova a entrare nel settore del dating on-line, continuando quel percorso preconizzato già nel 2014, per il quale l’obiettivo è sostituire internet con Facebook stesso, facendo in modo che qualsiasi contenuto e servizio sia veicolato direttamente nel social blu.

MG Group, Più grandi insieme

 

, , , , , ,

Campagne Marketing per aumentare le conversioni

Nel Web Marketing si parla di conversioni facendo riferimento all’azione che si desidera l’utente compia, una volta che si trova sulla nostra piattaforma web.

Indurre ed aumentare le conversioni, sono gli obiettivi di ogni campagna di marketing online

Prima di investire tempo e risorse per realizzare qualsiasi campagna, è bene avere in mente quali siano gli obiettivi. Dovrai scegliere un target di riferimento, e stabilire il budget a disposizione.

Per ottenere alti tassi di conversione tramite campagne di Lead Generation Marketing, non puoi andare alla cieca, ma devi attentamente pianificare l’attività e avere gli strumenti per poterla monitorare.

L’analisi dei dati è importante per capire se la campagna di conversione sta funzionando, se la landing page è efficace e sarai in grado di stabilire verso quali canali investire di più.

Fermo restando quando appena detto, devi sapere che trovare regole universali per convertire i lead è impossibile.

Ogni settore e ogni azienda hanno le loro caratteristiche e unicità che devono essere rispettate.

Il modo in cui possono essere acquisiti i clienti cambia in funzione dei bisogni degli utenti.

Non è detto quindi che una campagna di successo per un certo settore funzioni altrettanto bene anche per il tuo.

Un flusso costante di lead è il requisito fondamentale per un business online che funzioni e bisogna cercare di ottenerli con metodi originali ed efficaci per attrarli e convertirli.

Le campagne di conversione prevedono delle regole, devono essere coerenti con quello che ti proponi di fare. Ricorda però che un pizzico di creatività insieme ai giusti strumenti, incentiva l’utente a compiere l’azione che hai preparato per lui.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Prima di tutto devi avere un sito web ed un blog ottimizzati

Prima di vedere quali sono le campagne di conversione più usate è bene ricordare una cosa fondamentale, ma che non sempre viene presa in considerazione.

Curare il sito web e il blog, aggiornando quest’ultimo di frequente, servendosi di un calendario editoriale per pianificare l’inserimento di contenuti di qualità.

Inserire nel contesto una strategia di Inbound Marketing, per spingere il tuo contatto verso la conversione. Questo può essere la possibilità di scaricare una guida in pdf, un ebook o un servizio gratuito, in cambio ovviamente del contatto.

Il requisito fondamentale per poter arrivare a questo, è quello di conoscere i propri clienti.

Per creare una campagna che porti successo sarà necessario lavorare su tutti i canali, per catturare l’utente con un engagement efficace.

Quello che spingerà l’utente alla conversione, è l’offerta del prodotto o servizio che sono sempre la parte più importante di ogni campagna. E’ quello che offri che induce l’attrazione iniziale degli utenti ed è quella che li avvia verso la conversione nel momento in cui rilasciano i propri dati nel form.

Attenzione, se decidi di mettere strumenti invasivi come pop-up con le istruzioni per lasciare i propri dati, dagli un aspetto curato e gradevole e fai in modo che sia facile chiuderlo per non infastidire i visitatori del sito.

Sempre parlando di ottimizzare del sito, perché non inserire una chat per dare la possibilità all’utente di chiedere informazioni in diretta?  Potresti poi usare questo canale per farti rilasciare i dati personali per un successivo ricontatto.

Certo, una chat è uno strumento impegnativo e prevede un presidio costante, ma i risultati possono essere straordinari.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!

Ottenere conversioni con una campagna email marketing

Come si realizza una campagna email di successo?

Come tutte le attività di Web Marketing: Con una pianificazione accurata di quello che si vuole fare e quello che si vuole ottenere, senza mai perdere di vista il target a cui ci si rivolge.

Prima di tutto, pianificare l’oggetto della mail e l’obiettivo che ci si prefigge di raggiungere. Inserire il contenuto in un contesto originale e creativo, così da attirare l’attenzione degli utenti.

Ogni campagna email servirà ad uno scopo diverso e quindi dovrà rispondere a requisiti ben precisi, come per esempio, promuovere l’uscita di un nuovo prodotto, oppure un’offerta limitata nel tempo.

Leggi Crea una campagna di mail marketing in 5 mosse 

Anche la SEO si può definire una campagna di conversione

L’attività SEO è un tipo di campagna il cui obiettivo è ottenere traffico organico, in modo naturale, attraverso le query di ricerca degli utenti. Una corretta applicazione della SEO contribuisce a posizionare pagine ed articoli dei tuoi prodotti sui motori di ricerca, senza pagare nessun tipo di servizio pubblicitario.

Leggi Essere competitivi sul web con una strategia Seo efficace

Le campagne di conversione pubblicitarie a pagamento

Sentito mai parlare di Adwords? Si tratta della principale piattaforma pubblicitaria a pagamento fornita da Google, ma non certo l’unica.

Esistono vari piani per budget ed esigenze differenti. Con questo tipo di campagna non farai altro che pagare per avere degli annunci pubblicitari che aumenteranno la tua visibilità nella Serp di Google.

Un ottimo modo per avere conversioni, ma se la campagna non è ottimizzata per il tuo business, rischi di buttare i tuoi soldi.

Leggi anche Come funziona Google Adwords e perchè non puoi farne a meno

Campagne pubblicitarie di Facebook Ads

Gli annunci pubblicitari a pagamento di Facebook sono in grado di raggiungere gli utenti attraverso un algoritmo di profilazione molto efficiente, per fare si che l’annuncio raggiunga le persone che con maggior probabilità potrebbero compiere l’azione di conversione.

Facebook mette a disposizione diverse soluzioni che consentono di iniziare una campagna pubblicitaria anche con budget molto limitati.

Leggi Social Network e aziende; tra condivisioni, like e negozi virtuali

Creare video dei tuoi prodotti aprendo un canale Youtube

Fare video dei tuoi prodotti, ma che siano realizzati bene. Il video è un media potentissimo che conduce facilmente alla conversione.

Per realizzare video che giungano a segno sul cliente, non è necessario che siano lunghi e realizzati con tecniche particolari. Anzi, la semplicità e l’immediatezza saranno l’arma vincente e per realizzarli non è necessaria un attrezzatura particolare. In oltre potrai inserire nel video delle Call To Action idonee alla conversione

Leggi Tutti i segreti del Video Marketing in 4 consigli utili 

Call-to-Action e Landing Page

La Call To Action è un invito a compiere una determinata azione, nel nostro caso quasi sempre per rilasciare i propri dati. La CTA dovrà essere ben visibile e graficamente curata.

Senza un’adeguata visibilità, non verrà richiamata l’attenzione del visitatore, il quale deve facilmente capire le azioni da compiere.

Una Call To Action efficace deve risaltare rispetto al resto della pagina per essere notata. Dovrà essere coerente con l’offerta del prodotto o servizio, l’utente dovrà sempre essere consapevole di quello che fa.

Lo stesso principio vale per la Landing Page, verso la quale l’utente verrà indirizzato per rilasciare la sua email o altri dati. La comunicazione deve avvenire sempre in modo semplice e coerente con quanto offerto.

Call To Action e Landing Page dovranno essere quanto più intuitivo possibile e prive di elementi che possano distogliere l’attenzione dell’utente da ciò che dovrà fare.

Se nonostante tutto l’impegno messo, le conversioni delle pagine di destinazione sono basse, bisognerà modificare il layout di CTA e Landing Page e misurarne i risultati.

Non dovrai avere paura di provare diverse varianti, ma è bene, dopo aver analizzato i dati, sperimentare continuamente.

Leggi Come costruire Landing Page efficaci in 5 mosse

Vuoi saperne di più sulla possibilità di realizzare campagne per aumentare le conversioni e dare una spinta al tuo business? Se vuoi ottenere risultati misurabili e duraturi, contatta subito Mg Group, il nostro team di esperti Web Marketing saprà consigliarti al meglio.

Contattaci per strutturare un piano promozionale ad hoc!