, ,

Data-Driven Marketing: il futuro dell’online?

Il Data-Driven Marketing utilizza i dati relativi al comportamento degli utenti per coinvolgerli e fidelizzarli al brand. Nelle aziende che utilizzano strategie data-driven, le risorse e gli strumenti a disposizione vengono investiti in modo più efficiente, ottenendo risultati migliori e abbattendo i costi.

Per fare questo, è indispensabile conoscere il comportamento dei segmenti di target e predisporre per ognuno di essi le strategie più opportune.

Nonostante ciò, ancora molte aziende non sfruttano questa possibilità, probabilmente perché si tratta di un territorio complesso e inesplorato.

Come si può pianificare una strategia Data-Driven?

Per rendere più semplice organizzare un piano che sfrutti le potenzialità dei dati, ti proponiamo una selezione di 5 step che potranno aiutarti a definire una strategia Data-Driven:

Identificare il pubblico giusto è essenziale per poterlo intercettare e coinvolgere in modo adeguato. Prima di tutto si deve progettare una precisa strategia di segmentazione del pubblico, che sappia indicare i criteri per la costruzione del target di riferimento.  

Non possiamo rivolgerci a chiunque, è indispensabile concentrarsi sugli elementi che identificano meglio il nostro cliente tipo.

Dopo sarà necessario raccogliere ed analizzare i dati e identificare l’audience maggiormente in linea con il brand.

  1. Asset

Per fidelizzare un utente non basta trovarlo e comunicare un messaggio. Bisogna rendere la sua esperienza di fruizione del  messaggio stesso, utile e memorabile.

L’utente deve ricordarsi positivamente del nostro brand e collegarlo ad una user experience accattivante, ad esempio tramite racconti transmediali. In questi casi, si utilizzano vari media che si integrano a vicenda e contribuiscono allo sviluppo della storia.

L’utente è perciò chiamato a collegare questi elementi per comprendere l’intero messaggio e ciò rende l’intero processo sociale ed invitante.

Nulla di tutto ciò sarà comunque possibile se non produrremo contenuti di qualità e utili all’utente.

  1. Accesso

L’utente moderno utilizza più dispositivi contemporaneamente, spesso collegati tra di loro.

Per massimizzare la copertura dei messaggi, ossia la reach, è importante utilizzare più piattaforme, così da comunicare il messaggio nel luogo e nel momento giusto senza sprecare le risorse a nostra disposizione. 

L’utente potrà, ad esempio, iniziare la fruizione di un messaggio su Facebook, proseguirla su YouTube e terminarla sul nostro sito.

Tutte le informazioni devono perciò essere accessibili e disponibili su più piattaforme, così da non bloccare la navigazione e la concentrazione dell’utente attorno al nostro brand.

Grazie al Data-Driven Marketing è possibile avere accesso alle informazioni relative ai comportamenti di navigazione degli utenti per capire quali strumenti è preferibile utilizzare.

  1. Attribuzione

Misurare il valore delle interazioni ottenute è importante per capire il successo delle strategie messe in atto. 

Bisogna tenere bene a mente che i processi di acquisto di un prodotto non sono lineari ma trasversali ed estremamente complessi; ecco perché ogni interazione ha un peso diverso e ci può aiutare a comprendere come distribuire al meglio il budget.

Il Data-Driven Marketing aiuta a capire anche questo.

  1. Automazione

Nel Marketing Data-Driven il ruolo dei dati è un elemento imprescindibile. Averli però non è sufficiente, bisogna saperli analizzare e rielaborare per capire se stiamo andando nella giusta direzione o meno.

Essere in grado di estrapolare indicatori importanti come il ROAS, il ROI o il KPI (Key Performance Indicator), ci consentirà di migliorare il marketing operativo e di allocare in maniera efficiente strumenti e risorse.

È difficile pianificare una strategia Data-Driven?

I dati ci aiutano a spacchettare la realtà digitale e a renderla più semplice e comprensibile. Non è sempre facile però rielaborare questi dati e trarne conclusioni utili. In questi casi avere dei professionisti che ti assistano e ti aiutino ad interpretare correttamente i risultati può essere conveniente anche dal punto di vista economico.

Ripartire le risorse in maniera adeguata significa anche sapersi far consigliare da chi possiede la giusta esperienza per farlo. Imparare autonomamente è possibile, ma rischia di portarci sulla strada sbagliata, o di bloccarci laddove le nostre conoscenze incontrino ostacoli insuperabili.

Richiedi una Consulenza Gratuita e senza Impegno, Mg Group Italia può aiutarti a realizzare strategie adatte a comunicare con il pubblico che ti interessa, sfruttando nel modo più efficiente possibile le risorse che hai a disposizione senza sprecarle. 

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, ,

Sito statico o dinamico: quale scegliere?

Per chi non è abituato ad usare il linguaggio informatico, parlare di sito web statico o dinamico può creare confusione. Cerchiamo di fare un pò di luce su questi due concetti.

Il sito statico

Un sito statico viene creato con un linguaggio informatico che permette di creare una pagina per ogni informazione che vogliamo inserire.

L’utente non avrà possibilità di interagire con queste pagine, potrà solo passare da un contenuto ad un altro in modo passiva.

Questa tipologia di sito permette di caricare le pagine più velocemente ma non consente un alto livello di interattività. Inoltre, data la sua struttura particolarmente complessa, richiede di coinvolgere più volte il web master per le modifiche che desideriamo fare.

Il sito dinamico

Un sito dinamico, al contrario, è strutturato utilizzando un linguaggio informatico più complesso che permette all’utente di interrogare le pagine ed estrapolare solo le informazioni che gli interessano.

L’informazione viene quindi richiamata dalla fonte principale per essere consultata al momento del bisogno.

Il tempo di caricamento del sito è leggermente più lungo ma garantisce all’utente una maggiore autonomia durante la navigazione.

Sito statico o dinamico: quale scegliere? Dipende dal nostro obiettivo.

La scelta tra un sito statico e un sito dinamico dipende sostanzialmente dall’uso che ne vogliamo fare. Tuttavia, se desideri inserire e aggiornare spesso i contenuti, interagire con gli utenti e rendere la navigazione più energica, un sito dinamico è la soluzione migliore.

Comunica i tuoi prodotti, aggiorna i contenuti in modo semplice e intuitivo attraverso il CMS (Content Management System) e aumenta la tua visibilità attraverso pagine indicizzate in ottica SEO, con i nostri esclusivi piani Business Medium e Business Large creati appositamente per essere coinvolgenti e dinamici con i tuoi utenti.

Per aziende piccole, medio-grandi o grandi, Mg Group Italia saprà consigliarti la soluzione migliore per le tue esigenze e per il tuo budget.

Contattaci e richiedi una Consulenza Gratuita e senza Impegno per valutare insieme a noi la tipologia di pacchetto più idonea al tuo business. 

 

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, ,

Come funziona Google Shopping?

Google Shopping è uno dei molti strumenti offerti dall’inesauribile universo Google; si tratta di un motore di ricerca tramite il quale è possibile entrare in contatto con prodotti attraverso annunci sponsorizzati.

Precedentemente noto come Google Products Search, e ancor prima come Froogle, ha cambiato pelle nel 2012, rinnovandosi e diventando l’attuale Google Shopping.

Come funziona Google Shopping?

Per utilizzare questo servizio è prima necessario aprire un proprio E-commerce online con i prodotti che vogliamo vendere.

E’ un passo importante e dobbiamo farlo pianificando attentamente la nostra strategia di vendita. Dobbiamo tenere conto del target che vogliamo raggiungere e capire come si comporta online. Aprire un E-commerce senza prima aver analizzato il mercato, significa vanificare le risorse che abbiamo a disposizione.

Non preoccuparti se sembra difficile, Google ti aiuta anche in questo, tramite Google Market Finder.

Una volta stabilito il nostro target e creato il nostro negozio digitale, dobbiamo collegarlo alla piattaforma Google Merchant Center ed esportarvi gli articoli completi di nome, prezzo, descrizione e foto, attraverso la compilazione di un file che Google Shopping provvederà a consultare periodicamente per tenere sempre aggiornate le informazioni.

A questo punto non resta che collegare l’account di Google Merchant a quello di Google Ads (prima Google Adwords); in questo modo basterà creare campagne sponsorizzate tramite quest’ultima piattaforma perché i nostri prodotti appaiano come annuncio nella parte superiore della pagina oppure nella colonna a destra. Non resta che iniziare a vendere e tenere sempre d’occhio i dati con Google Shopping Insights.

Che si tratti di piccoli o grandi imprenditori, Google Shopping offre infinite possibilità; spesso però l’ostacolo della conoscenza impedisce di sfruttarne appieno le potenzialità.

Contattaci per una Consulenza Gratuita e senza Impegno, i nostri esperti sapranno strutturare la strategia migliore per far decollare il tuo E-commerce e conquistare Google Shopping. 

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, ,

E’ possibile monetizzare i like su Facebook?

Quando si apre una pagina Facebook lo si fa spesso illudendosi che con pochi euro potremo ottenere molti like e quindi vendere di più. La questione, in realtà, è un po’ più complessa. Vediamo insieme come è possibile intercettare like di valore e monetizzarli.

Il like è considerato come l’unità di misura per valutare le azioni intraprese sulla piattaforma social più trafficata al mondo. Cercare di monetizzare i like ricevuti non è però semplice.

Questo deriva dal fatto che non è possibile attribuire una reazione di causa – effetto tra l’aumento dei like e le variazioni delle vendite.

Alcune ricerche hanno cercato di dimostrare, ad esempio, che i like dei nostri amici possono in qualche modo influenzare il nostro comportamento incrementando le vendite.

È possibile che le preferenze delle persone che conosciamo ci condizionino in qualche modo, ma è molto più probabile che questo avvenga perché abbiamo manifestato in precedenza una certa positività nei confronti di quel determinato brand.

Inoltre, mettere mi piace ad una pagina o a un post è l’azione più semplice da ottenere dagli utenti e questo ne svaluta incredibilmente la qualità. Quanti like abbiamo messo a pagine trovate per caso e che forse neanche ci interessavano più di tanto?

I like hanno tutti lo stesso valore?

È chiaro quindi che i like non hanno tutti lo stesso valore.

Negli anni il padre di Facebook, Mark Zuckerberg, ha modificato l’algoritmo tramite il quale si genera la News Feed (sezione notizie), cambiando la tipologia di contenuti che venivano presentati agli utenti.

Nel gennaio di quest’anno, ad esempio, è stato deciso di privilegiare le relazioni umane e i contenuti di amici e parenti, a discapito di quelli brandizzati.

Questo fatto ha ridotto drasticamente i touchpoint con gli utenti, incidendo notevolmente sulla possibilità di mettere like alle pagine. Non era più possibile entrare in contatto con l’audience a meno che non si decidesse di investire in campagne pubblicitarie a pagamento.

La strada intrapresa da Facebook ha generato in poco tempo confusione e disorientamento tra gli utenti che si sono ritrovati con due News Feed separate; è stato quindi deciso di fare un passo indietro e riequilibrare la situazione.

Questa scelta non è dovuta solamente al feedback negativo degli utenti, ma anche alle possibili e potenzialmente catastrofiche conseguenze mediatiche: privilegiare i contenuti affettivi a discapito di quelli aziendali può comportare enormi disagi a livello informativo, imbavagliando testate giornalistiche e blog d’informazione.

Più like = più vendite?

No, avere più like non significa necessariamente aumentare il volume delle vendite e, quindi, del fatturato.

Abbiamo visto infatti che non tutti i like hanno lo stesso valore e che non esiste per forza una relazione tra questi due elementi.

Questo non vuol dire tuttavia che non abbia senso investire nelle campagne pubblicitarie a pagamento. I like sono e restano comunque il canale primario per intercettare potenziali clienti.

Se vogliamo essere trovati sul web bisogna esserci e se vogliamo che gli utenti siano coinvolti in un processo d’acquisto è indispensabile che ci seguano e ci diano l’opportunità di comunicare con loro. Aumentare l’esposizione del brand per ottenere più like è quindi indispensabile.

Su quali like bisogna investire?

La domanda giusta da porsi allora è: se i like non sono tutti uguali, su quali è più vantaggioso investire?

La risposta è semplice, bisogna investire su quelli che provengono da persone realmente interessate al nostro brand e ai nostri contenuti.

Le vendite premiano i brand che più di altri hanno saputo coinvolgere gli utenti e fidelizzarli, attraverso strategie mirate e costanti.

Fidelizzare per creare like di valore!

Creare utenti affezionati non è semplice, ma loro stessi possono venirci in aiuto tramite gli UGC – User Generated Content, ossia contenuti generati direttamente dagli utenti. Nulla è più produttivo di un contenuto che parte in modo naturale e spontaneo, direttamente da chi ha testato i nostri prodotti.

Questi contenuti sono una fonte inesauribile di valore: sono pubblici, originali, più credibili del materiale aziendale e, soprattutto, sono gratuiti.

Marchi importanti come GoPro, Coca-Cola e Disney utilizzano questa strategia per coinvolgere i propri utenti e trasformarli in veri e propri fan appassionati. Tramite gli hashtag, #GoPro, #ShareaCoke e #ShareYoursEars, hanno lavorato costantemente per instaurare con loro un rapporto di amicizia reale e duraturo nel tempo.

In questo modo i nostri clienti saranno i principali testimonial del nostro brand, aiutandoci ad investire meglio per generare like di valore.

Questo è solo un esempio di come è possibile creare valore all’interno dei social e incentivare le vendite.

Vuoi conoscere le migliori strategie per coinvolgere i tuoi utenti e trasformali in una potente community pronta a sponsorizzare il tuo prodotto?

Richiedi una Consulenza Gratuita e senza Impegno per valutare insieme a noi gli strumenti più adatti a creare campagne vincenti, in grado di coinvolgere il tuo target e convertirlo in vendite.

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, , ,

Spende 600 mila dollari su Facebook Ads senza accorgersene

Il peggior investimento pubblicitario online

Quando decidiamo di comunicare qualcosa, lo abbiamo detto, significa che abbiamo un messaggio chiaro che vogliamo lanciare su chi siamo e cosa facciamo. La cosa vale ancora di più quando decidiamo di lanciare un determinato messaggio nell’intento di pubblicizzare un prodotto o servizio che vendiamo e offriamo.

La comunicazione aziendale, insomma, ha le sue regole fondamentali e la pubblicità ancora di più perché, in questo caso, si tratta di investire tempo e risorse per la creazione di un valore che deve rientrare sia in termini di vendite che di promozione del brand e del prodotto.

Soprattutto con i new media digitali se ci affidiamo all’improvvisazione, come accade, i risultati non sono scontati anzi talvolta, senza conoscenza e senza programmazione degli strumenti a cui ci affidiamo, possiamo imbatterci in grandi, brutte, sorprese.

Imparate da chi ha sperperato 600 mila dollari in pubblicità Facebook Ads

È quello che è accaduto a Raaj Kapur Braar, titolare di una casa editrice, la Fetopolis, che promuove numerose riviste di successo, di moda principalmente, seguitissime e che su Facebook raggiungono in media circa 1,7 milioni di likes. Non male affatto, anche considerando che mediamente, un post pubblicato da una rivista di moda su Facebook raggiunge circa 2000 likes.

Qualche tempo fa, Braar decide di approntare un interessante investimento: decide di affidarsi a Facebook (Facebook Ads) per moltiplicare i suoi “lead” sul social network nella convinzione, abbastanza spannometrica, di ricavare circa il 2-300% rispetto alle risorse investite.

Si butta, impetuosamente, in una massiva campagna su Facebook Ads e, rapidamente, si trova ad aver speso, o meglio potremmo dire sperperato, l’ingente somma di circa 600.000 dollari. E tutto questo senza un concreto ritorno dell’investimento paragonabile a quanto speso.

La vicenda che ancora rimane confusa per punti discordanti espressi da Braar e al contempo anche da Facebook, lascia comunque emergere in maniera importante che quando ci sia affida alla pubblicità di un social network come Facebook risulta fondamentale, anzitutto, conoscere le sue caratteristiche e capire, concretamente, se queste incrociano gli obiettivi che vogliamo raggiungere.

Facebook, in sostanza, è un social network che ogni mese ospita circa 2 miliardi di utenti che fanno di tutto: dal postare foto all’esprimere commenti su quello che hanno mangiato un minuto prima. Tutto meno che, direttamente, comprare. Nel senso, la piattaforma tutto fa meno che vendere prodotti, offre agli utenti contenuti, anche riguardanti prodotti e, d’altro lato, alle aziende la possibilità di potersi promuovere sui propri canali. Facebook è in grado di incrementare la popolarità di un brand, farlo circolare tra gli utenti, generare “lead” e, addirittura, portare le persone a compiere determinate azioni (call to action) capaci di “convertire” il coinvolgimento generato dal brand in gesti concreti come un acquisto o la sottoscrizione di una newsletter.

Nello specifico Facebook Ads prevede tre livelli diversi di azione:

  • CPM (costo per mille), per avere visibilità (e basta) per il nostro brand aziendale. Si paga semplicemente affinché il nostro Brand venga promosso e mostrato il più possibile;
  • CPC (costo per click), si tratta della tipica strategia usata dall’imprenditore di Fetopolis, prevede un costo associato a ogni click (sia una fotografia, che un like, che un commento);
  • CPM (CPM ottimizzato), con questa strategia paghiamo Facebook solo se gli utenti compiono un’azione specifica che ci interessa (come ad esempio visitare il nostro sito di e-commerce). In questo modo il social network, per avere introiti, indirizza la nostra pubblicità solo verso gli utenti che potrebbero esser interessati e, dunque, propensi alla call to action che noi prevediamo.

Affidatevi a dei professionisti

Alla luce dell’esperienza non molto felice di Braar vi è anzitutto una riflessione da fare: prima di incamminarci in qualsiasi azione di advertising su Facebook Ads è necessario definire bene qual è l’obiettivo che vogliamo raggiungere e, concretamente, capire se il social network fa al caso nostro. Anche considerando che all’investimento economico che facciamo deve corrispondere un ritorno effettivo perché poi, alla fine, qualsiasi strategia deve esser valutata in base al rapporto tra effort e risultati prodotto.

In secondo luogo, bisogna conoscere bene quello che Facebook è e rappresenta con tutte le potenzialità e debolezze e, soprattutto, mettere bene a fuoco che esser visibili, impegnarsi a promuovere il proprio profilo, la propria notorietà non equivale a vendere di più.

Non farlo significa perdere su due fronti: perdere le opportunità che lo strumento ci offre perché non le comprendiamo e, forse la cosa peggiore, sprecare soldi che potrebbero esser investiti su altri fronti magari maggiormente redditizi per la nostra azienda.

Non improvvisare, affidati a dei professionisti per ottenere risultati dai tuoi investimenti in pubblicità. Richiedi una consulenza Gratuita

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, , , ,

L’importanza dell’immagine coordinata

L’abito fa il monaco, diceva qualcuno tempo fa. In sostanza, il modo in cui ci presentiamo , dice chi siamo, è il primo nostro biglietto da visita, il primo strumento che abbiamo per delineare la nostra identità come individui e, soprattutto, come aziende. E, lo sappiamo, il primo impatto, nella maggior parte dei casi, è decisivo. Soprattutto per un’azienda che ha l’esigenza fondamentale di comunicare per render maggiormente riconoscibili i suoi prodotti, il suo brand e, semplicemente, incrementare le vendite.

Immagine Coordinata e Grafica Aziendale

Per un’azienda, ad esempio, la cura della forma con cui i contenuti vengono realizzati è un aspetto centrale: determina il modo in cui l’azienda si presenta ai suoi clienti attraverso l’immagine del brand che influenza, in maniera determinante, il modo in cui si rende riconoscibile e fidelizza i suoi clienti. Occorre quindi delineare una strategia complessiva che, anzitutto, definisca quella che è l’identità dell’azienda e le modalità attraverso cui esprimerla graficamente (caratteri, colori, elementi grafici per logo) e successivamente preveda specifici strumenti e modalità per la sua implementazione coerente con quello che è il messaggio, fondamentale, che l’azienda intende comunicare su di sé. Questa strategia di “immagine coordinata” fa in modo tale che l’azienda esprima, sempre, la sua identità (riproducendo elementi grafici del proprio logo, colori e caratteri) pur sviluppando, ad esempio, linee grafiche nuove dedicate a specifici progetti.

In questo modo la comunicazione dell’azienda riesce ad esprimere con maggiore chiarezza quelli che sono i messaggi chiave che, di conseguenza, possono esser recepiti, compresi e condivisi con maggiore immediatezza e semplicità. D’altronde, nella maggior parte dei casi, rimaniamo colpiti, inconsciamente, da ciò che è in grado di trasmetterci una certa dimensione di armonia.

Per i tuoi progetti grafici capaci di donare un’immagine pertinente e riconoscibile alla tua azienda richiedici una consulenza gratuita

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, , , ,

ROAS e ROI: come valutare l’efficacia di una campagna digitale?

Realizzare una campagna di advertising digitale significa, anzitutto, individuare un chiaro obiettivo e soprattutto le azioni necessarie da compiere per il suo raggiungimento. E questo si traduce, per l’azienda, in un investimento sia di tempo che di risorse umane ed economiche.

Quanto sono efficace sul web?

Il primo modello di valutazione che ci viene in mente, in ambito aziendale, è il ROI (Return on Investment) che tecnicamente misura il ritorno, in termini economici di introiti, che entra in azienda a seguito di uno specifico investimento, nel nostro caso in pubblicità e comunicazione. La domanda a cui il ROI risponde è: come la campagna contribuisce, in base all’investimento, al raggiungimento degli obiettivi aziendali?

Se da un lato quello del ROI rappresenta un modello sintetico ed efficace perché fornisce un indicatore numerico ed economico, dall’altro il modello non consente di entrare nelle specificità che caratterizzano una campagna di advertising perché si ferma alla valutazione economica senza approfondire l’effettivo impatto generato dalle singole azioni messe in campo.

Per entrare nel vivo maggiormente e renderci conto di quanto possa esser efficace, in termini di impatto, ad esempio amplificando le azioni degli utenti rispetto alle call for action, una campagna di advertising digitale abbiamo l’opportunità di prendere in considerazione un nuovo approccio: il ROAS (Return on Advertising Spend) che tecnicamente misura il ritorno rispetto all’investimento specifico di advertising. Secondo tale approccio, una campagna viene valutata in base ai ricavi lordi generati e non in base ai costi sostenuti e quindi risulta interessante in quanto ci fornisce un’analisi ulteriore che amplifica il risultato presentato dal modello ROI. In pratica, il ROAS considera l’attività di marketing come strumento anzi “costo necessario” per lo sviluppo del business aziendale ed effettua le sue valutazioni scendendo in maniera verticale sulle diverse azioni che contraddistinguono una campagna. A differenza del ROI che, invece, considera l’investimento effettuato in marketing e pubblicità come un semplice strumento, come gli altri, per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Il ROAS scende nel dettaglio della campagna e consente di vedere concretamente che ritorno ci arriva da ogni singola azione che abbiamo pianificato, non soltanto in base al costo che sosteniamo per progettarla e implementarla ma soprattutto in termini di incrementi di valore generati dalle singole attività. Ad esempio possono esser analizzati i click totali generati su di un link o sito, il tasso di conversione (quanti click si traducono in azioni concrete come acquisti per esempio) e, soprattutto, il tasso di vendita che in altre parole significa quanti utenti, tra quelli che compiono azioni che indichiamo, fanno incrementare le nostre vendite.

Valutare i risultati delle campagne con ROI e ROAS

Se all’apparenza i due modelli sembrano discordanti, in realtà per comprendere quanto siamo efficaci con le nostre campagne non possiamo prescindere da una combinazione, sinergica, tra i due dando a ciascuno quello che è il suo campo di indagine. Attraverso il modello ROAS, ad esempio, riusciamo a comprendere quanto può esser incisiva una campagna in base a quanto viene generato e potremmo addirittura ipotizzare quali ulteriori investimenti potremmo fare per migliorare la capacità di generare “lead” e conversioni. Incrociando il tutto con il modello ROI, inoltre, potremmo comprendere, poi, quanto la nostra campagna è efficace, e quindi da mantenere, rispetto ai costi sostenuti per progettarla e realizzarla. Con il ROI, quindi, avremo la possibilità di filtrare i dati emersi dal ROAS in ogni singola azione della campagna in base alle risorse che vi abbiamo dedicato e in questo modo potremo avere un indicatore maggiormente ponderato e valuteremo con grande attenzione la realizzazione di nuovi investimenti. Per semplificare, ma senza nulla togliere all’effettiva utilità dei due modelli, potremmo dire che, nella storia, il ROAS è la “cicala”, che ci invita a fare nuovi investimenti in pubblicità perché quello che interessa è che ci siano più “lead”, e il ROI è la formica che ci ammonisce a considerare che un’azienda, dopo tutto, si basa pur sempre sugli introiti generati e che quindi qualsiasi azione va valutata in base al rapporto tra costi sostenuti e ricavi generati.

Entrambi i modelli, come spesso accade tra posizioni all’apparenza in contrasto, ci restituiscono concretamente una lettura, o meglio, un pezzo di verità. E in un contesto “liquido” e mutevole come quello dei social e delle piattaforme digitali affidarsi a entrambi i modelli, per tarare al meglio le nostre strategie di comunicazione e advertising, significa semplicemente avere più elementi a disposizione. A patto, ovviamente, di esser ben consapevoli dei pregi e limiti di ciascun approccio. Per prender il meglio delle opportunità che ognuno dei due modelli ci può offrire.

Siamo esperti nella comunicazione online e ti forniremo tutti gli strumenti per valutare i risultati delle campagne e del nostro lavoro. Contattaci per una consulenza gratuita

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, , ,

Antitrust: multa per Apple e Samsung per Obsolescenza Programmata

A volte pensiamo che quello che abbiamo tra le mani duri per sempre o comunque, per certi aspetti, che ci si avvicini. Quando compriamo qualcosa, ad esempio, inconsciamente vorremmo che si conservasse, così come è incurante dello scorrere del tempo.

Fino a quando non arriva un qualsiasi momento in cui ci rendiamo conto che così non è. E ci rimaniamo pure male perché come sempre pure alle “cose” ci dedichiamo e ci facciamo affidamento.

Cosa accade nel settore tecnologico?

La tecnologia, o meglio i progressi a cui siamo costantemente sottoposti, ondata dopo ondata, ci hanno abituati, per certi aspetti, a  cambiamenti rapidi e avvicendamenti “naturali” dei prodotti che animano la nostra vita quotidiana. Tutto in sostanza, ha da essere di “ultima generazione” per raggiungere migliori livelli di performance, svolgere il lavoro nel minor tempo possibile e consumare, almeno sulla carta, un quantitativo minore di energia.

Un processo che si configura come essere del tutto normale se consideriamo la velocità con cui l’innovazione incede nella vita di tutti i giorni. Insomma, cambiare quello che non funziona più o che non funziona più bene come una volta ci può anche stare il problema è che non può trattarsi di avvenimenti “programmati” o peggio ancora “condizionati”.

Che cos’è l’Obsolescenza Programmata?

Il tema dell’obsolescenza programmata, ovvero la capacità che i produttori hanno, talvolta, di condizionare e programmare la durata dei prodotti, è di grande attualità e richiamo, e affonda le sue origini agli inizi degli anni 20 del secolo scorso, il 1923 per l’esattezza, quando con il “cartello Phoebus”, i principali produttori di apparati elettronici si misero d’accordo per mettere in commercio lampadine con una durata massima programmata di mille ore con l’intento di incrementare le vendite.

Potrebbe anche starci che alla fine un prodotto, dopo un certo periodo di tempo, venga ad esser sostituito ma il tema, alla base, è che il consumatore, nelle sue scelte, deve esser sempre libero e soprattutto informato di tutto quello che riguarda il prodotto che ha acquistato. Quando, infatti, l’obsolescenza programmata, non reca informazioni può, semplicemente, tradursi in danno per gli utenti. E infatti, su queste basi l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust), alla fine di ottobre, ha multato Apple e Samsung per aver programmato, in maniera poco trasparente, l’obsolescenza dei suoi dispositivi.

La multa a Samsung e Apple

Le due multinazionali, infatti, hanno bombardato gli utenti di messaggi funzionali al download di aggiornamenti di sistema pensati per dispositivi superiori che una volta scaricati non consentivano di tornare alle condizioni precedenti e che, soprattutto, provocavano gravi rallentamenti ai rispettivi device rendendoli, quindi, “obsoleti”.

Pratiche scorrette secondo l’Antitrust, che ha multato le due compagnie per un totale di 15 milioni di euro, riscontrando una netta e concreta mancanza di trasparenza nei confronti degli utenti tenuti all’oscuro dalle multinazionali sulle conseguenze, negative, degli aggiornamenti scaricati.

Il problema che ha sollevato l’Antitrust è la mancanza di trasparenza nei confronti degli utenti e soprattutto la non possibilità di tornare alle condizioni precedenti rispetto all’installazione degli aggiornamenti. Si provoca in questo senso un danno che difficilmente può esser sanato e si condiziona l’utente, anche in maniera psicologica, all’acquisto di nuovi dispositivi quando magari quelli precedenti rimangono a tutti gli effetti funzionanti.

Come ha rilevato l’Autorità Francese per la protezione ambientale e l’energia in un recente rapporto, l’impatto psicologico è rilevante soprattutto con riferimento all’obsolescenza percepita di alcuni dispositivi che quotidianamente utilizziamo: sappiamo, ad esempio, che i nostri dispositivi funzionano bene e comunque ci consentono di fare quello che, alla fine, ci serve. Ciononostante, dopo un certo periodo di tempo siamo portati, inconsciamente, a considerarli come obsoleti, da sostituire per prenderne altri più “al passo coi tempi” mentre, invece, risultano esser perfettamente funzionanti.

Potrebbe accadere ancora, anzi, quasi sicuramente accadrà vista la pervasività dell’innovazione che riguarda i dispositivi che animano la nostra vita quotidiana e soprattutto la difficoltà di rintracciare violazioni come quella riscontrata dall’antitrust.

Possibili soluzioni

La soluzione, tuttavia, non sempre potrebbe esser rappresenta dalla semplice condanna di atteggiamenti sbagliati. La multa per obsolescenza programmata , ad esempio, rimane sempre sanzionatoria di un atteggiamento svolto nel passato e non incentiva, in modo spontaneo, un miglioramento e un cambiamento di paradigma.

Interessante, invece, sarebbe proporre, insieme alla multa, nuovi approcci di accordo con le grandi multinazionali dell’elettronica finalizzati per lo sviluppo di nuove strategie con cui tutelare gli utenti, fornendo informazioni sui prodotti in maniera dettagliata e relativa assistenza, e al contempo, promuovere la vendita di nuovi dispositivi. Ad esempio, oltre che sanzionare, le grandi multinazionali, potrebbero incentivare comportamenti finalizzati a raccogliere dispositivi datati o non funzionanti offrendo in cambio ai clienti sconti particolari e personalizzati per l’acquisto di nuovi prodotti messi sul mercato.

Il caso dell’obsolescenza programmata e della multa ai due giganti, ci mostra che, ancora una volta, la tecnologia e il mercato non sono buoni o cattivi a prescindere ma sono sempre e solo strumenti. Il significato reale che questi hanno sta sempre nell’utilizzo che ne facciamo.

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, , , ,

Il Web Master: qual è il suo ruolo nelle Agenzie e Aziende

Quando decidiamo di costruire casa, oppure di rimodernare quella che abbiamo la prima cosa che facciamo è selezionare un professionista capace a cui poterci affidare per la realizzazione di tutti gli aspetti che l’attività presuppone.

Allo stesso modo, quando decidiamo, come persone e come aziende, di fare la nostra comparsa sul web, è necessario poterci avvalere di professionisti avviati ed esperti per realizzare, in tutte le fasi, il nostro sito.

Entra in gioco, il Web Master, un vero e proprio “stregone del web”: si tratta una figura, indispensabile per chi vuole creare il proprio sito, che cura il processo di realizzazione nelle sue diverse fasi: dall’analisi dei bisogni, ovvero delle ragioni su cui poggia la nostra esigenza di avere uno spazio sul web, alla progettazione del design grafico e dei contenuti, alla realizzazione concreta e alla manutenzione e gestione dello spazio.

La figura del Web Master

Il Web Master ha competenze caratterizzate, anzitutto, dalla conoscenza ampia dei maggiori linguaggi di programmazione web, dalle tecniche e modalità di gestione di spazi web e hosting, dalla conoscenza circa il funzionamento dei principali motori di ricerca e delle relative tecniche di indicizzazione. In quest’ottica, il Web Master, con riferimento specifico alla comunicazione aziendale, si interfaccia in maniera costante e spontanea con diverse professionalità tra cui graphic designer, per la realizzazione del design grafico del sito, SEO specialist, per l’analisi e le strategie più efficaci con cui render un sito maggiormente reperibile sui motori di ricerca. Con l’intento, principale e semplice, di render quanto più coerente l’attività svolta dall’azienda nella comunicazione digitale nei vari aspetti con la progettazione, realizzazione e l’aggiornamento del proprio sito web.

Grazie all’esperienza maturata negli anni nella comunicazione digitale, noi di MG Group Italia disponiamo di web master qualificati, all’interno di un team dedicato, con cui supportare le aziende nell’implementazione dei rispettivi siti web e, in generale, per corrispondere, con qualità e tempismo, alle specifiche esigenze richieste.

Richiedi subito una consulenza gratuita e ti aiuteremo a sviluppare il tuo progetto web

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.

, ,

SEO Specialist: chi è e cosa fa

Come trovare un ago in un pagliaio?

Questa domanda, semplice e antica come il mondo, descrive in maniera efficace la figura professionale del SEO Specialist.

Si tratta di una figura che quasi sempre rimane nell’ombra, a differenza magari di altre (come il digital strategist) che hanno maggiore proiezione, anche comunicativa, all’esterno di un’azienda ma che, al contempo, svolgono un ruolo fondamentale nella strategia di comunicazione digitale che un’azienda decide di attuare per aumentare il valore del proprio brand online (dai social network alle modalità di comunicazione e di engagement diffuse attraverso il sito aziendale).

Che cosa fa il SEO Specialist?

Il SEO Specialist, concretamente, si occupa di “ottimizzare” un sito web per fare in modo che, usando specifiche “keyword”, quel sito possa esser facilmente visibile e rintracciabile attraverso i motori di ricerca. Per farlo sviluppa una serie di competenze trasversali che spaziano dalla conoscenza, anche basica, dei linguaggi di programmazione dei siti web, al funzionamento degli algoritmi dei principali motori di ricerca (Google in primis), agli strumenti di analisi della comunicazione digitale per finire, last but not the least, alla capacità, fondamentale, di saper scrivere e interpretare determinati contenuti. Perchè, alla fine, prima ancora che competenze tecniche specifiche, un SEO, per esser efficace, deve saper scrivere buoni contenuti, sintetici, accattivanti ed efficaci che, in pochissime parole, riescano a rendere quel sito, quel contenuto, rintracciabile dal maggior numero di utenti di un motore di ricerca. Sapere individuare le keyword giuste, ad esempio, con cui sintetizzare, al massimo, un’attività aziendale può esser elemento determinante per incrementare la possibilità che quel sito possa esser visitato, condiviso e addirittura aggiunto ai propri preferiti.

MG Group, grazie a un qualificato team di esperti, supporta aziende ed enti interessati a incrementare la propria visibilità e reputation sui motori di ricerca offrendo un servizio personalizzato mirato non solo ad incrementare i flussi bensì soprattutto a far in modo che gli utenti, una volta sul sito, possano compiere azioni specifiche come acquistare un prodotto o iscriversi a una newsletter.

Trovare un ago in un pagliaio si può. Basta avere un po’ di pazienza e la giusta lente di ingrandimento.

Richiedi una consulenza gratuita perchè sul web, non basta esserci ma bisogna farsi trovare.

Richiedi una Consulenza Gratuita.

Compila il form e un nostro consulente ti contatterà nelle prossime ore.