, , ,

Cybersecurity: cosa ci aspetta nel 2019

Cybersecurity infranta
Condividi

Eset, il principale produttore di software per la sicurezza digitale in Europa, ha rilasciato come ogni anno i risultati della sua ricerca sui trend che domineranno la sfera della Sicurezza Informatica nel 2019.

Il report “Cybersecurity trends 2019: privacy and intrusion in the global village” delinea una panorama complesso,che vede i riflettori puntati sulla protezione (e le sua falle) dei dati sul web ma anche sui casi di cryptomining sempre più sofisticati e sui sistemi di engineering intelligenti sviluppati dai cybercriminali.

Vediamo per punti cosa ci aspetta quest’anno in fatto di Cybersecurity.

lucchetto bianco dentro ad un cerchio illuminato davanti a codici informatici in ombra

lucchetto bianco dentro ad un cerchio illuminato davanti a codici informatici in ombra

Il 2019 della Sicurezza Informatica

Boom del Cryptomining

Il 2018 ha visto un boom del cosiddetto Cryptomining o Cryptojacking, ovvero la produzione illegale di criptovaluta tramite l’utilizzo di software malevoli che sfruttano i computer di persone o aziende ignare.

Questo cyber crimine si è attestato come il più pericoloso dello scorso anno, vedendo un aumento del 956% e il raddoppio delle organizzazioni colpite nella solo prima metà del 2018, con un guadagno stimato per i cyberjacks di circa 2,5 miliardi di dolori.

Il Cryptomining ha dominato il panorama mediatico mettendo in ombra il cosiddetto ransomware, che è un tipo di malware che limita l’accesso al dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione; in effetti i casi di quest’ultima azione illegale sembrano nettamente in calo. Al contrario, ci si aspetta una continua impennata del Cryptojacking nel 2019.

I cybercriminali si evolvono: usano la Machine Learning e il Social Engineering

Pare che nel 2019 i cybercriminali utilizzeranno di più le tecniche dell’automazione e dell’apprendimento automatico. Il loro obiettivo è quello di raccogliere un maggior numero di dati da utilizzare per avviare campagne di social engineering più personalizzate e sofisticate.

È improbabile che questi truffatori informatici entrino in possesso dei dettagliati database delle grandi piattaforme di e-commerce che tracciano le abitudini di acquisto degli utenti. Potrebbero però utilizzare dei tracker web per seguire le abitudini di navigazione delle vittime o raccogliere informazioni dai broker di dati, cioè fra chi li scambia e rivende intermediando fra le piattaforme digitali, a scopo di profilazione.

Il pericolo si insinua nell’Internet delle Cose

Negli scorsi anni si è visto un crescendo di casi di attacchi ai dispositivi connessi ad Internet che ci supportano nella vita di tutti i giorni. Infatti, se l’usabilità e la comodità che questi dispositivi offrono è innegabile, è purtroppo anche vero che possono anche costituire una porta aperta attraverso la quale le minacce possono entrare.

La crescita costante del cosiddetto Internet of Things nel mondo, potrebbe indurre i cybercriminali a colpire con più decisione e frequenza i dispositivi intelligenti e gli assistenti di domotica. Ancora una volta, l’obiettivo sarà sfruttarli per creare delle vere e proprie reti dedicate al cryptomining o semplicemente per il furto di dati sensibili.

Purtroppo è improbabile che vedremo una soluzione a questo problema durante il 2019; nel frattempo, i produttori dovranno impegnarsi per implementare i livelli di sicurezza all’interno dei loro dispositivi.

furto di dati personali

uomo che tende un braccio bucando lo schermo di un computer per rubare una cartella di dati personali in un ufficio

Il problema della Privacy e i sentori di una regolamentazione mondiale

Nel 2018 gli scandali sulla diffusione dei dati (dal celeberrimo caso Cambridge Analytica all’ultimo caso italiano di Collection #1) hanno minato la fiducia degli navigatori del web in generale, ma in particolare quella degli utenti dei Social Network. Secondo i ricercatori di Eset è addirittura probabile che gli utenti nel 2019 ricercheranno alternative alle piattaforme attualmente più utilizzate.

Sulla scia del clamore suscitato dal problema della Privacy e soprattutto dopo l’introduzione in Europa del Gdpr, Eset nota che modelli simili di legislazione cominciano ad apparire in California, Brasile e Giappone. L’attenzione alla protezione i dati e la garanzia di riservatezza delle informazioni sensibili è oggi una questione di priorità globale e sicuramente incoraggerà l’introduzione in tutto il mondo di leggi contenenti più garanzie nei confronti degli utenti.

Vista la centralità dei dati nel panorama attuale, la capacità di gestirne la protezione potrebbe dunque decidere quali società supereranno indenni questo 2019.

Vuoi far Crescere la Tua Azienda trovando Nuovi Clienti in Poco Tempo?

Con oltre 10 anni di esperienza nel settore, MG Group Italia ti mette a disposizione un consulente dedicato che saprà indicarti la strategia migliore per far crescere il tuo portfolio clienti e il tuo fatturato grazie agli strumenti digitali.

Scopri subito Come Trovare Nuovi Clienti in Poco Tempo >

Potrebbe interessarti anche:
Come massimizzare il ROI nelle tue Social ADS Migliora la SEO del tuo Sito con il Link Building 5 mosse per ottimizzare il tuo canale YouTube Aziendale Cybersecurity: cosa ci aspetta nel 2019 Fattura Elettronica omessa o tardiva: le Sanzioni

Richiedi una Consulenza Personalizzata, senza impegno.

Compila il form e un consulente dedicato ti contatterà nelle prossime ore.