, ,

Quanto vale l’E-commerce in Italia?

quanto-vale-le-commerce-in-italia
Condividi

Il valore dell’E-commerce in Italia e nel mondo

Che l’E-commerce sia ormai una realtà economica inarrestabile è indubbio, e dati dell’ultimo Black Friday ne sono una prova.

Secondo l’Osservatorio eCommerce B2c, il valore dell’E-commerce è aumentato del 16% andando ad incrementare il fatturato di oltre 3 miliardi di euro rispetto al 2017.

Tiriamo dunque le fila di questo anno, analizzando insieme dati e implicazioni di questa inarrestabile ascesa economica in Italia e nel mondo.

In Italia

Al termine del 2018, il valore dell’E-commerce in Italia ha superato i 27,4 miliardi di euro con un incremento di circa 3,8 miliardi (+16%) rispetto ai 12 mesi precedenti.

Nonostante questi numeri, il nostro paese fatica ancora a raggiungere gli standard e i livelli di qualità che caratterizzano lo shopping online Europeo.

Sono ancora molte le aziende italiane che si scoraggiano di fronte alle incredibili potenzialità del mercato online e, persi tra dubbi e preoccupazioni, si lasciano sfuggire le potenzialità dell’E-commerce e di strumenti come il dropshipping in grado di aiutare anche i più inesperti.

I prodotti ci sono, a partire dalle eccellenze del Food&Grocery che nel solo 2018 ha raggiunto 1,1 miliardo di euro (+34%) di fatturato; manca però la capacità di coprire in modo capillare la territorialità: ancora 4 italiani su 5 non possono fare la spesa da “supermercato” con un livello di servizio adeguato.

Differenze tra Nord, Centro e Sud

Il valore dell’E-commerce è in costante e generale aumento in tutta Italia, tuttavia, esso è il risultato dello sviluppo di dinamiche completamente diverse che caratterizzano il Nord, il Centro e il Sud del nostro paese.

E’ così che lo shopping online italiano ha una concentrazione maggiore al Nord con il 56% dei volumi totali, rispetto al Centro (23%) e al Sud e alle isole (21%).

Il valore del retail

Grazie ad una crescita maggiore rispetto al negozio fisico, il retail (ossia la vendita al dettaglio) è riuscito a guadagnare, rispetto al 2017, un punto percentuale, sfiorando il 6,5%.

Possiamo concludere quindi che il retail si sta lentamente conquistando una fetta maggioritaria dell’aumento dei consumi totali.

La penetrazione, ossia la percentuale di persone che hanno scelto lo shopping online sul totale dei compratori, passa dal 4% al 5% per i prodotti e raggiunge il 10% per i servizi.

I prodotti

Possiamo notare significative differenze anche per quanto riguarda il dispositivo utilizzato per gli acquisti online e i settori merceologici collegati.

Il 31% (+6%) degli acquisti effettuati online è generato da smartphone che così accorcia la distanza dal suo principale concorrente, il desktop che, pur rimanendo in testa, perde alcuni percentuali rispetto al 2017 e scende al 62% (-5%).

Anche il tablet mostra una lieve perdita, scendendo dall’8% al 7%.

Il valore dello shopping online effettuato da smartphone supera gli 8,4 miliardi di euro, con un incremento del 40% (204 miliardi di euro) rispetto all’anno precedente.

Nonostante resti secondo nella classifica dei dispositivi maggiormente utilizzati per lo shopping online, lo smartphone è comunque lo strumento più utilizzato per l’acquisto in alcuni specifici settori.

Nel settore del Food&Grocery, ad esempio, lo smartphone ha un valore rispetto al totale dell’E-commerce del 32%; nell’abbigliamento registra invece il 45%.

Per quanto riguarda i servizi, la percentuale è minore: 9% per le Assicurazioni e 18% per il Turismo e i trasporti; questi numeri sono tuttavia influenzati da un processo di acquisto più lungo e complesso che in molti casi scoraggia l’acquirente.

Export: la voce più interessante

La voce più interessante (e scoraggiante) del report sul valore dell’E-commerce nel mercato italiano, resta l’Export, inteso come il valore delle vendite da siti italiani a consumatori stranieri.

Con un valore di circa 3,9 miliardi di euro, l’export costituisce il 16% delle vendite E-Commerce totali; di questi, 1,3 miliardi provengono dal settore dei servizi (spinto dal settore del Turismo) e 2,6 miliardi dai prodotti.

In ogni caso, resta l’abbigliamento il settore di punta dell’export italiano.

Visto il valore del Made In Italy, c’è da chiedersi come mai l’export sia la voce più debole del report relativo al valore dell’E-commerce in Italia.

Il motivo risiede nelle complessità operative, tra cui obblighi e oneri logistico-distributivi, e legislative che spaventano le piccole realtà economiche.

Insomma, puntare all’estero con l’E-commerce resta ancora una strada difficile da percorrere nonostante la fiducia attorno al digitale si in aumento. Eppure, i motivi per investire su un E-commerce sono molti, a partire dal risparmio economico.

Il valore dell’E-commerce nel mondo

Rispetto a quanto avviene in Italia, si stima che, al termine del 2018, il valore dello shopping online possa superare i 2.500 miliardi di euro (+20%) rispetto all’anno scorso.

In questo panorama di forte crescita, Cina e Stati Uniti sono leader incontrastati.

La Cina si conferma il primo mercato mondiale in assoluto con oltre 1.000 miliardi di euro (+19%) e un tasso di penetrazione del 18%.

Al secondo posto troviamo gli Stati Uniti, con 620 miliardi di euro (+12%) e una penetrazione del 17%.

Infine, al terzo posto, l’Europa con 600 miliardi di euro e una penetrazione del 10%.

Come hai visto, l’E-commerce si sta imponendo come una realtà inarrestabile e per restare competitivi e non perdere queste nuove opportunità occorre aggiornarsi e affidarsi a chi da sempre si occupa di questo settore. Mg Group Italia può aiutarti ad entrare nel mercato del futuro, strutturando E-commerce in grado di darti la giusta visibilità. 

Richiedici una Consulenza Gratuita e Senza Impegno per scoprire come aumentare il tuo fatturato tramite le vendite online.

Potrebbe interessarti anche:
Cos’è il Social Selling e perché dovresti conoscerlo Cos’è il CRM e perché non puoi farne a meno Come chiedere Referenze ai tuoi clienti Il Funnel si è interrotto? Attaccati al telefono! UE: nuove regole per prodotti e commercio digitali

Richiedi una Consulenza Personalizzata, senza impegno.

Compila il form e un consulente dedicato ti contatterà nelle prossime ore.